Cerca

La scuola secondo Profumo

Due brevi considerazioni su Francesco Profumo, Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca. La gaffe del video sulla scuola pubblica è davvero impagabile. Per inneggiare alla scuola pubblica sceglie la "Deutsche Schule Mailand", la prestigiosa scuola tedesca di Milano. C'è da chiedersi con stupore come possa essergli venuta in mente un'idea del genere. Anche un'apparente ingenuità, perché era fin troppo facile prevedere che tutta la cosa si sarebbe subito venuta a sapere. Secondo me c'è una spiegazione. Il tratto che distingue la superiore cerchia dei "tecnici" è che si sono autoincensati tanto da disdegnare gli aspetti di buon senso dei comuni mortali, vivono al di sopra di tutto e di tutti (über alles, forse per questo la scuola tedesca), in forza della loro pretesa superiorità sono privi di un elementare senso di autocritica, possono fare ciò che vogliono, sono comunque nel giusto. Ma la gaffe non è la cosa peggiore. Francesco Profumo è lo stesso che qualche tempo fa ha affermato che la scuola deve assumere, per la sempre crescente presenza di stranieri, un carattere più multiculturale, più multietnico, magari senza l'attuale insegnamento della nostra religione. Atteggiamento pericoloso quello che vede la scuola del nostro Paese sempre meno "italiana", perché si inizia così e si finisce per essere indulgenti verso il coro scellerato di coloro che vogliono gettare il crocifisso dalla finestra, eliminare i canti di Natale, togliere i quadretti di Gesù e della Madonna, perché danno tanto fastidio soprattutto ai musulmani. Altro che scuola pubblica, reciteranno tutti Allah Akbar. Scriveva Dante: "Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta...", con tutto quello che segue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog