Cerca

Si stava meglio quando si stava peggio??

Carissimo Signor Direttore, sono uno studente al quarto anno di giurisprudenza, e qualche giorno fa mi sono stupito e vergognato per essermi posto una domanda che, però, mi è sorta spontanea: se in Italia tornasse il re, migliorerebbe qualcosa? Mi sono vergognato a causa della mia convinta fede repubblicana e della mia avversione alla nobiltà di sangue, che ho sempre ritenuto essere un retaggio medievale del tutto ingiustificato. Però, riflettendoci bene, pensiamo a cosa potrebbe cambiare. Il popolo avrebbe un interlocutore diretto, posto formalmente al di sopra dei parlamentari, così sordi ai reclami dei cittadini. Egli dovrebbe accogliere le richieste più pressanti, o correrebbe il rischio di perdere il trono. Ci sarebbe finalmente una figura neutrale a vigilare sulla politica, una figura totalmente estranea ad essa, al contrario del Presidente della Repubblica. Infine i tanto discussi privilegi sarebbero limitati alla famiglia reale, e potrebbero essere aboliti quelli della folta schiera di politicanti che fino ad oggi se li sono auto-attribuiti. Beninteso, questa riflessione non fa di me un monarchico, né intendo promuovere la monarchia. Però l'aver prospettato una simile provocazione la dice lunga sull'attuale stato delle cose, sulle condizioni di una politica oramai logora e della voglia di andarne oltre. Tanto da accontentarsi di un mero ritorno ad istituzioni vecchie sì, ma anche collaudate, e forse più eque.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog