Cerca

Chi,in Italia,

Ci si stava già abituando alla decisione di Berlusconi di lasciare la politica contingente ai giovani (non sto parlando,ovviamente,di "delfini". Nella destra ce n'era già stato uno,e pareva molto promettente,e abbiamo visto com''è andata a finire...),ed ecco che i Giudici di Milano,assolvendo chi poteva "non sapere",per lo stesso reato hanno condannato chi,in nessuna occasione della sua vita,lavorativa e privata,mai può "non sapere". Chi,evidentemente e proprio per quei Giudici,è un essere umano superiore a noi poveretti,perchè "sa" se un dipendente di quarto grado ruba una ciambella,come se una ragassuola quasi diciottenne,oltre a darsi sei mesi di vita in più (a quella beata età tutte le ragazze l'età se la aumentano,dopo qualche anno cominciano a diminuirsela),si "imparenta" fittiziamente con un Capo di Stato estero. Adesso si prevede un gran casotto nello sviluppo (o nell'inviluppo) del Centrodestra. E non solo il Cavaliere,ma anche chi ha votato per lui e tanti altri,si accorgerà che in Italia la politica per gran parte la fanno non i votanti alle primarie,secondarie e principali,ma la regolano alcuni Magistrati della Repubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog