Cerca

Cosa aspettate ?

Alla Direzione di Libero. Ma insomma, quando vi deciderete a non farvi anticipare dalle sinistre anti democratiche, bugiarde e cialtrone, accidenti a voi? Questi figli di mala madre ci riempiono di falsità, di ingiurie, di teorie balorde fondate sull’ipocrita doppio pesismo tipico dei comunisti e voi niente, abbozzate o fate dell’ironia sterile, ma finitela, diventate moderni! Silvio Berlusconi ha dato ha tutti gli Italiani, di destra come di sinistra UNA AUTENTICA LEZIONE DI MODERNA DEMOCRAZIA e voi niente, forse neppure voi avete capito? Tutti si rifanno, pure ‘sti sinistri di mezza tacca, alla “grande Democrazia” degli Stati Uniti… Beh? I più osannati, adorati, mitizzati Presidenti di quella Nazione, il miliardario J. F, Kennedy e Bill Clinton sono stati dei femminari senza freni esibendosi nell’amore ludico non nel cantinotto di casa loro, ma in sfacciata libertà. Addirittura lo splendido Bill si è fatto fare un laborioso lecca lecca nella “stanza ovale” della White House, forse seduto proprio su quel fatale tavolo su cui il glorioso Giorgio Washington firmò quella Dichiarazione d’Indipendenza che tanto piace a questi comunisti d’accatto. Ebbene i democratici americani hanno capito e perdonato, e hanno continuato ad amarli, e noi? Noi accettiamo (meglio, voi), che questa banda di ipocriti finti smemorati aggrediscano il nostro Leader perché gli piace la gnocca? Tendenza che comunque tutti ignoreremmo perché Lui mai la ha reso pubblica, se non fosse per l’attenzione costosissima (e pagata da noi), che dei magistrati incompleti, perché non terzi, perchè limpidamente venduti alla loro idea antidemocratica e fallita ovunque, lo hanno perseguitato e lo perseguitano spudoratamente da quando ha avuto l’idea sciagurata di “scendere in campo” per aiutare l’Italietta rovinata dal debito che proprio LORO, le sinistre e la DC, avevano costruito sperperando la ricchezza della ricostruzione. Molti sono i meriti dimenticati di Silvio Berlusconi, imprenditore brillante e direi unico vero uomo di Governo dei tempi moderni, cominciando da quando nel ’94 dello scorso secolo (ben 18 anni fa, e non c’era la crisi), affrontò la riforma dell’art. 18 della legge 300 che ci ha rovinati e ancora ci condanna economicamente; la sua amicizia con Putin ha consentì a tutta l’Europa di non morire di freddo qualche anno fa; il patto con il misero Gheddafi, assassinato per fini economici da uomini di stato stranieri che agognavano il petrolio libico, che non solo liberò, finché il dittatore visse, Lampedusa e tutti noi dall’invasione terzomondista ma consente ancor oggi la nostra priorità nello sfruttamento di quella risorsa. Non mi dilungo, anche se ben ricordo le tante altre cose buone che Egli, pur tra mille difficoltà poste da un’opposizione che combatteva l’uomo Berlusconi qualunque cosa facesse, anche se favorevole per l’Italia, disposta a distruggerci pur di abbattere l’UOMO NUOVO e sincero democratico, nemico dei politicanti di mestiere demagoghi, velleitari e assolutamente incapaci. E io dovrei preoccuparmi del “bunga bunga” e delle inclinazioni sessuali del nostro Leader quando ora siamo affidati a un manipolo di “professori” teorici dell’economia che non saprebbero tirar fuori un ragno dal buco, buttando via una risorsa formidabile come Silvio Berlusconi? Ma fatemi il piacere, via! Pochi giorni fa però si è passato il segno! La magistratura di Milano ha travalicato i limiti del buon senso e della decenza e quindi vi scrivo per sottolineare e denunciare a tutti gli Italiani, anche di sinistra, questo oltraggio. Nella recente sentenza di primo grado, emessa da alcuni giudici del tribunale di Milano, che ha condannato il Premier Silvio Berlusconi a qualche anno di carcere, ho rilevato alcuni gravissimi REATI commessi, a mio avviso, da quei magistrati. Non entro nel merito del presunto “reato” contestato al Premier poiché né sono avvocato né tantomeno magistrato né conosco i fatti a Lui contestati, io intendo però protestare fermamente e RESPINGERE in toto la parte del dispositivo di quella sentenza là dove: A) Silvio Berlusconi viene definito, da chi non ne aveva titolo, “delinquente abituale per inclinazione naturale” e quindi votato al crimine; B) per effetto della suddetta definizione gravemente diffamatoria, non provata se non come pura opinione personale e priva quindi di qualsiasi contenuto scientifico, ritengo che l’intero impianto accusatorio che ha informato la relativa condanna ne è inficiato come frutto di una convinzione che poggia sul nulla; C) da quanto sopra rilevo un chiaro abuso nell’esercizio della professione medica da parte di individui che, per quanto mi consta, non hanno conseguito alcuna preparazione in campo psico-attitudinale o psichiatrico; D) simili sentenze fondate su falsi presupposti di infermità hanno una sinistra ridondanza nei passati processi stalinisti, che facevano finire in manicomio o in Siberia gli oppositori politici; ebbene io, e credo tutti gli onesti e liberi Elettori di centro-destra non vogliamo che in Italia resuscitino il comunismo e l’arcipelago GULAG! A tutela pertanto del diritto mio e di tutti quei Cittadini che credono nella Libertà e nel libero pensiero, io chiedo che i magistrati coinvolti nel processo e nella sentenza citata CHIEDANO FORMALMENTE SCUSA al dr. Silvio Berlusconi per la valutazione villana e infondata formulatagli e a tutti NOI, che in Lui abbiamo creduto e crediamo CERTI che Egli ha sempre ben operato da Premier evitando, finché ha potuto, che gli Italiani non dovessero morire di sano spread. In mancanza, in via subordinata, invitiamo chi di dovere a promuovere una perizia neuro psichiatrica, condotta da veri e seri professionisti, sui suddetti magistrati che, a mio avviso (ma è soltanto una mia sensazione poiché medico non sono), soffrono di una evidente e gravissima sindrome da “mania di persecuzione”, Michele Dentico Firmo questa lettera con l’intesa che se la pubblicherete in PRIMA PAGINA la firma resta e per esteso poiché non temo smentite, altrimenti vi limiterete al “lettera firmata”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog