Cerca

MILANO, UNA CITTÀ ALLO SBANDO

MILANO, UNA CITTÀ ALLO SBANDO. Tutti si sentono liberi di fare ciò che vogliono. - 8 automobilisti su 10 (di questi il 90% sono donne impegnate anche a truccarsi) parlano al telefono mentre guidano in malo modo ad una mano la propria autovettura, sempre pronti a litigare furiosamente; - per non parlare dei parcheggi agli angoli della strada sotto i semafori e … - ... delle autovetture parcheggiate come gli struzzi cioè con il retro in mezzo alla strada, che riduce lo spazio della carreggiata a rischio incidente; - i marciapiedi sono attraversati da ciclisti di tutte le età a velocità sostenuta (NON SE NE PUO' PROPRIO PIU' !!!): con una mano tengono il manubrio e con l’altra il telefono cellulare (… ho già segnalato inutilmente la cosa alla Polizia Municipale). Inoltre attraversano le strisce pedonali pedalando in sella alla bicicletta (contro il Codice della Strada) e sempre con il telefono cellulare in mano. Poi ci sono quelli che pretendono ragione mentre pedalano in mezzo alla carreggiata in senso contrario a quello di marcia; - i motociclisti sfiorano le automobili, tagliando improvvisamente la strada con manovre illogiche, sempre alla ricerca di un incidente e percorrono anche i marciapiedi a velocità sostenuta; - i pedoni attraversano la strada in assenza di strisce pedonali e/o con il semaforo rosso. Quando sono sulle strisce pedonali, rallentano il passo con aria di sfida nei confronti degli automobilisti. Delle volte ho visto personalmente pedoni accelerare il passo sulle strisce pedonali alla ricerca di un “impatto” polemico con l’automobilista; - i semafori sono attorniati da zingari (persone senza patria) che pretendono con forza di lavarti il parabrezza mentre gli altri automobilisti, per evitarli, fanno manovre inusuali rischiando di tamponare le altre autovetture. Ho assistito personalmente ad una manovra simile da parte di un automobilista che, per evitare questi incivili, ha sfiorato in retromarcia un’auto della Polizia Municipale i cui occupanti non hanno fatto una piega (… ho già segnalato inutilmente anche questa cosa alla Polizia Municipale); - sulla tangenziale sud-ovest di Milano, gli zingari dormono all’interno dello spartitraffico, tra una carreggiata e l’altra, nientemeno che lasciando il carrello della spesa libero e aderente al guard-rail della corsia di sorpasso (anche questo fatto è stato da me segnalato più volte con e-mail e telefonate a Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Municipale); - i cittadini sono costretti a pagare il biglietto dei mezzi di trasporto pubblico maggiorati del 50% o una scriteriata tassa di accesso al centro di Milano; - concludo ricordando la moltitudine di autovetture a gasolio, acquistate per moda e credendo stupidamente di risparmiare nei consumi ma che, in realtà, inquinano considerevolmente l’aria che respiriamo. DOMANDA: perché non ritornare ad applicare una super-tassa ai veicoli a gasolio? Grazie Signor Sindaco ... e buon lavoro!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog