Cerca

Una modesta proposta

Una modesta proposta. La rivoluzione delle provincie rischia di arrivare a risultati demenziali. Per evitare eccessive complicazioni (targhe auto e simili) avrei una modesta proposta: lasciate le suddivisioni territoriali così come sono; la loro esistenza ha motivi storici e culturali. Limitatevi ad accorpare servizi e centri decisionali. Mandate a casa i rappresentanti politici in eccesso (quelli sì!), ma lasciate almeno un distaccamento degli uffici necessari in ogni città importante.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog