Cerca

I tagli alla politica, gli scandali e il nostro dovere

Il tema dei tagli ai costi della politica è affrontato quotidianamente, e riscuote ovunque grande consenso. È molto frequente riscontrare indignazione e rabbia per ciò che sta succedendo e si sta scoprendo della politica italiana. Tagliare, tagliare, tagliare, è l’imperativo odierno, con lo scopo di rendere sempre meno presente la politica, limitarla, a livello nazionale e locale. È la naturale reazione ai continui scandali. Però ritengo si tratti di un intervento (pur importante e doveroso) che incide sulle sole conseguenze. È fondamentale risalire alle cause. Tagliamo i costi della politica (anche) perché il comportamento dei politici è vergognoso. Sta bene. Ma perché è vergognoso questo comportamento? Da cosa nasce? Forse è necessario intervenire, e qui non c’è decreto legge che tenga, su una mentalità e un comportamento diffusi, si tratta di sforzarsi personalmente, ogni giorno, per comportarsi rettamente, svolgere bene il proprio dovere, portare a termine il lavoro che ci spetta, anche se la tendenza – personale e collettiva- va in direzione opposta, a scaricare il barile a qualcun altro, a trascurare, far male e premiare i furbi. Come possiamo pretendere onestà e correttezza dai politici, quando noi stessi non svolgiamo il nostro dovere?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog