Cerca

Dio non è invisibile

Quel veterano dell’Afghanista si chiama Kevin McCloskey. Una bomba gli è esplosa sotto il suo “blindato” maciullandogli le gambe. Da un’altra parte del pianeta, un bambino corre con due piccole protesi al posto delle sue gambine. Al loro primo incontro, il piccolo si presenta al giovane soldato, mutilato nel corpo e nell’anima: “ Ciao, sono Cody”. Un modo, il suo, per dire: “ Hei, puoi farlo anche tu!”. Ora Cody fa parte della Veterans Administration Hospital, ci sono soldati paraplegici, non vedenti, amputati. Quando li vede, inizia a ballare e correre. “ Be strong, never give up” – “ Siate forti, mai arrendersi”. Da grande Cody vorrà fare il medico per aiutare gli altri che soffrono. Dio, in fondo, non è invisibile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog