Cerca

La scuola non è quella descritta da Giordano

Dott. Maurizio Belpietro Direttore del quotidiano “Libero” Genova 14 novembre 2012 “Per non far lavorare di più i professori tagliano la ricerca” Con l’articolo di cui sopra a firma M. Giordano, pubblicato su Libero in data odierna, il quotidiano ha perso definitivamente alcuni fedeli lettori: evidentemente ritenete che i professori non rientrino nel target di Libero, altrimenti presumo non avreste pubblicato una simile prosa. L’articolo in questione contiene una somma di errori macroscopici, intervallati dalla più trita retorica operaista stile anni ’70 ( in fabbrica, in miniera si lavora per ben più di 24 ore ecc) Vede Direttore, la professione docente non si limita alle 18 ore settimanali di orario cattedra, ma prevede altre 40 ore annuali da destinare alle riunioni collegiali ( consigli di classe mensili, collegi docenti, riunioni per materia ecc.) , 1 ora settimanale per i colloqui con le famiglie e almeno 3 ore trimestrali per i colloqui generali. A questo naturalmente si aggiungono le ore da dedicare alla correzione dei compiti e alla preparazione delle lezioni, volendo sorvolare sulla programmazione del lavoro che si intende svolgere, gli obiettivi formativi e cognitivi ecc. Sappia inoltre che oggi le classi sono costituite da un minimo di 25 alunni fino ad un massimo di 33. Se risulta che la categoria sia troppo numerosa , ciò è dovuto al gran numero di insegnanti di sostegno per gli alunni portatori di handicap e di coloro che si occupano dell’inserimento degli alunni stranieri. Un attento cronista queste cose dovrebbe saperle : non si può sommare il numero complessivo dei docenti e dividerlo per quello degli alunni perché non si ottiene la media per classe. Ha idea inoltre quanto tempo si impiega a correggere ogni mese almeno 90 temi svolti in classe ? ( il numero medio di alunni per ogni insegnante di lettere) Beh, glielo dico io : non meno di mezzora per ogni tema. Faccia il calcolo. A questi dobbiamo aggiungere i compiti di Latino o Storia , a seconda degli Istituti e il quadro è completo. Mi sorprende anche l’ironia di Giordano sui professori che “si stancano l’ugola”. Ha mai provato il sig. Giordano a fare un’ora di lezione? Si è mai chiesto come mai i docenti universitari dedicano alle lezioni mediamente tre ore settimanali ? Non voglio neppure accennare poi alla questione retribuzione dei docenti per non rattristarmi ulteriormente la giornata; le faccio solo un esempio : un’ora di sportello pomeridiano volta al recupero degli alunni in difficoltà viene retribuita 19 euro netti, come 15 anni fa! Quanto alle ferie, il sig. Giordano cerchi di aggiornarsi . Le porto un esempio concreto : il mio . Lo scorso anno ho finito gli esami di maturità giovedi 19 luglio, lunedi 23 luglio ho svolto un corso di recupero di una settimana. Ferie dal 30 luglio al 31 agosto. Il 1 settembre collegio docenti per l’avvio del nuovo anno scolastico. Dove sono i tre mesi di ferie ? Dia retta a me , faccia tornare il dott. Giordano ad occuparsi delle frivolezze di Studio Aperto , nelle quali dimostrava un grande talento, oppure chieda che si aggiorni , prima di pontificare su di un argomento serio. P.S. Guardi che gli insegnanti leggono più di quanto non creda il dott. Giordano , che penso abbia qualche conto in sospeso con i professori e la scuola, visto il suo livore. Con cordialità Da oggi ex lettore di “Libero” Prof. Fabrizio Thellung

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog