Cerca

Occasione Renzi

Gli scontri a volte oltre ogni limite di decenza visti dalla " nascita" della seconda repubblica in poi tra le due fazioni predominanti della politica italiana, sono stati uno dei problemi principali della mancanza di obiettivi e visioni comuni della politica italiana che, sicuramente, hanno contribuito a portare il nostro paese verso una profonda crisi economica e sociale. Le battaglie, le chiusure al dialogo reciproco e quindi al compromesso tra le parti, hanno fatto si che l' Italia si dividesse in due parti, chi stava con Berlusconi e chi no. Non c' è mai stata ne la voglia ne l' impegno di farci remare tutti verso un' unica direzione, quella del bene del nostro paese. Tutto ciò è stato strumentalizzato dai partiti e dai nostri politici e dai media. I gravi attacchi, a volte personali e gratuiti, tra esponenti dei partiti di centro-destra e di centro-sinistra invece di venire criticati e criminalizzati, sono entrati nelle nostre case e col tempo sono diventati abitudine fino ad elevarsi a " mododi fare politica". Oggi grazie ad un debole barlume di democrazia, le primarie, il nostro paese ha incominciato a capire che esiste un' altra Italia. è questa un' Italia con la voglia di superare le differenze, di staccarsi dal recente ( penoso) passato politico della nostra Repubblica e di guardare oltre; Di guardare verso un nuovo futuro. Un futuro che torni a dare in mano la vita ai nostri giovani spesso e troppo maltrattati e alle nostre donne. Un futuro che parla di armonia tra le parti anche se ideologicamente divise. Un futuro che punta dritto alla trasparenza, all' onestà, all' ambiente, al lavoro, alla cultura e all' Italia, il nostro amato paese che abbiamo deluso ed imbarazzato negl' ultimi trent' anni. Quest' occasione si chiama Matteo Renzi, profuma di nuovo, di gioventù e di futuro. Anche noi elettori del centrodestra faremo bene a non farci scappare questo treno di novità. Andiamo anche noi a votare per Matteo Renzi alle primarie del Partito Democratico domenica 25 novembre. Liberiamoci della vecchia sinistra! Lorenzo Zorzi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog