Cerca

Il guardiano del faro

Non mi ha meravigliato più di tanto il fatto che la giunta Polverini abbia approvato una miriade di " pro domo sua " prima di togliere il sedere dalle careghe della regione Lazio. Anche nei nostri piccoli comuni è usanza che la giunta uscente, ad elezioni imminenti, approvi qualche permesso di costruire magari più di quanti ne abbia rilasciati durante tutto il mandato. Si sa mai che non veniamo rieletti, almeno i nostri fatti ce li siamo sistemati per anni a venire e pace all'anima de li..... Quello che non riseco a concepire è l'ultima chicca che il " nostro " Parlamento ha tirato fuori dal cilindro. C'è un accordo per tagliare il numero degli eletti ? Certo ! Si istituisce allora a tempo di record una commissione di 90 nuovi membri che deve provvedere al taglio. Si badi bene, questi nuovi membri avranno un trattamento economico pari a quello dei membri della Camera dei deputati, una ventina di milioni di euro l'anno, sperando che facciano in fretta e la faccenda non finisca a tarallucci e vino come quella delle province che ci rimarranno, ahimé, sul groppone per secola secolurom amen. La domanda sorge spontanea : ma il guardiano del faro, oltre che fare l'occhiolino alla cancelliera e viaggi all'estero a vender tappeti, che altro fa ?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog