Cerca

il processo Iori

CURIOSITA' Mi piacerebbe tanto scoprire cos'hanno in più Alberto Stasi e Anna Maria Franzoni, per aver riempito le cronache su giornali e Tv d'Italia intera, mentre del caso Iori si occupa solo la stampetta di Cremona e qualche corrispondente, e si limitano tutti a trascrivere parte di ciò che vedono in Aula............ Qui c'è materia per scatenare le fantasie più sfrenate, nell'evidente e, meglio ancora, nell'evidente che però si tace, il sesso grasso che paga sempre, le relazioni che si spera nascano in modo da spettegolarne, la morte complicata, le indagini strane, giudici che si accapigliano, ma, soprattutto, la logica fatta a pezzi se riguarda gli altri, qui invece regina per il popolino da Juve-Inter: se diamo questo po' po' di roba a un buon intrattenitore c'è da rivitalizzare una Tv malferma. Ai primi attori le parti son assegnate fin dall'inizio e non cambieranno sino alla sentenza: Barbablu scopa e uccide, Cenerentola non sa cosa succede, fino all'ultimo. Secondo l'Accusa, non facciamo i distinguini, son giudici anch'essi come constati se tenti di dividerne le carriere, è certo: non s'è accorta che Barbablù le ha messo nel piatto almeno 60 sessanta pastiglie di xanax, risultano dall'autopsia, o, come Gilda, se ne accorge e le manda giù per amore. Barbablù è un po' sciocco, o gli piacciono le complicazioni: invece di girare il gas ha comprato le bombolette, l'ha fatto sapere a tutti, e poi le ha usate. La scena del misfatto è chiara dall'inizio: però è suicidio allargato alla povera piccola per due mesi, dopo, nonostante la Cassazione avverta i Giudici del luogo, sto stringendo: state più attenti, le vostre conclusioni non concordano con le indagini, i Giudici del luogo rispondono alla Suprema Corte: Lei non sa chi siamo noi, e nemmeno chi è Barbablu, che se lo lasciamo libero ne ammazza un'altra, che suicidio allargato, è un duplice omicidio, motivi abbietti, tentativo di depistaggio eccetera. Cos'è cambiato in quei due mesi per i Giudici del luogo, son tanto superficiali i colleghi della Cassazione? Da scrivere più sceneggiati, d'altronde ci son tanti canali Tv, il dolore degli altri è lo spettacolo più venduto, sia dei morti che dei vivi, chi teme, incredulo, un ergastolo, chi passerà alla cassa per il risarcimento così come legge prevede; poi la conoscenza diffusa è un'ottima base perché la Giustizia funzioni al meglio: sotto i riflettori la Corte d'Assise continuerà a permettere lo scempio della figura del malcapitato in gabbia e a limitare le repliche più fastidiose dei difensori? Se la Corte non riuscirà a far coincidere la tesi dell'Accusa, omicidio volontario e premeditato, con l'evidente dinamica della morte, io ho ricordato le 60 sessanta pastiglie, ma c'è ben altro, chi risarcirà, per la misera parte risarcibile, i danni? E i danni alla Giustizia? e la sfiducia del cittadino attento, oggi a Iori, domani a me? Cremona 23 11 2012

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog