Cerca

Oddio ! Mi si è squalgliato l'albero "

Ho iniziato ad allestire l'albero di Natale. Una bella pianta che mi ha regalato un amico tirolese, del tirolo italico si capisce. Ho appeso dapprima qualche bolletta della luce, poi sono passato a quelle di acqua, gas, telefono, assicurazione e bollo auto, incendio e furto, irpef ilor e qualche vecchio cedolino di buste paga, qualche ricevuta, poche per la verità, di idraulico, falegname, vetraio, muratore, pizzeria e ristorante, e fin qui tutto bene. Avevo anche una ricevuta della precedente Imu e, nell'appenderla l'albero ha emesso dei gemiti forse preveggendo già la prossima che ancora non è chiara. Che sia qualche tarlo interno, ho pensato, ma no ! Era sanissimo quando me l'hanno consegnato. Aghi verdi colorofilliani che guardavano all'insù e fusto di un marrone classico, vivo e vegeto insomma e senza malattie di sorta. Ad un certo punto ho pèensato di provare ad appendere il foglietto dei risultati del redditest. Non l'avessi mai fatto ! Il pino silvestre, non vidal, ha cominciato a perdere tutti gli aghi ed il fusto a diventare rosso fuoco. Ho chiamato il mio amico tirolese che mi ha pregato di staccare tutto il ben di dio che avevo appeso e rimandarglielo in cura nell'altoadige. Mi ha anche detto che là sarebbe immediatamente guarito perchè da loro questi foglietti, a differenza dei miei, sono di gran lunga più leggeri, a volte contengono anche dei rimborsi che arrivano direttamente da Roma. Così ho fatto ripromettendomi di andare a vedere i risultati della cura e per quest'anno mi dedicherò solo al presepe, sperando che anche il bambin Gesù non si metta a strillare in culla vedendo con che carta preparerò il fondale. Magari come Madonna metterò una statuina della Eva Klotz e come San Giuseppe un martellatore della val Passiria, un classico, roba che posseggo dai tempi dei tralicci andati in polvere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog