Cerca

Riforma elettorale

Gent.mo Sig. Direttore Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori il problema delal Riforma elettorale, sulla quale c'è accordo unanime – partiti, stampa, radio, TV, cittadini – per l'abolizione dell'attuale “porcellum”, così definito senza alcun pudore dallo stesso ideatore ex-ministro Calderoli, pur con proposte diversificate per collegi uninominali, preferenze e bonus premiali. Nella diversità delle proposte emerge comunque una posizione comune a tutti i partiti, che è quella di mantenere, per un terzo dei parlamentari da eleggere, liste “bloccate” nella quali l'elezione non verrebbe fatta in base ai voti ricevuti dai singoli candidati, ma secondo la posizione fissata nella lista stessa del partito di riferimento. Si tratta in realtà di proposta di “porcellum” parziale, con la quale i parlamentari verrebbero nominati e non eletti democraticamente. Non meraviglia certo l'accordo di tutti i partiti su tale proposta, formalmente presentata dal PDL, non contestata e quindi di fatto accettata da parte del Partito Democrattico, in quanto è indubbio il loro interesse a mantenere i privilegi di casta e di potere. Meraviglia invece che ciò sia passato quasi inosservato sulla stampa, sulle radio-tv, sui media in generale, che con il loro silenzio e con l'assenza di commenti e di valutazione critiche, si rendono di fatto complici del nuovo “porcellum”. Ai cittadini viene così nascosta colpevolmente la verità ! Non le sembra, Sig. Direttore, una vergogna ? Cordiali distinti saluti Alberto De Sanctis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog