Cerca

il malcelato effetto renzi

IL MALCELATO EFFETTO RENZI. Dall’età della pietra “l’effetto” è sempre stato generato da una “causa” e,partendo da questo dato incontestabile,mi permetto di indicare,senza presunzione, l’occultata “causa” che nelle recenti primarie del Partito democratico ha prodotto un più che apprezzabile effetto Renzi . Sinteticamente, Bersani ( segretario del P.D. ) ha battuto Renzi ( primo cittadino di Firenze) con il punteggio del voto “gazebato” 60% a circa il 40%. Il P.D. ha mostrato di avere due volti? Quello tradizionale e quello giovanilmente nuovo? Il P.D. è risultato diviso tra “ NOI e LORO” ,come ha vagheggiato Renzi, oppure è stato una democratica operazione di rigenerazione del partito guidato dal segretario Bersani? La feconda fantasia critica dei politici potrebbe scovare e motivare una dovizia di interrogativi ma si resterebbe, in ogni caso, nel colorato campo delle mere ipotesi. Tra queste ultime, quella ancorabile alla causa che determina l’effetto, ha trovato, a mio giudizio, dignità nella intelligenza politica di Bersani che ,preoccupato della dilagante “antipolitica”espressa da un popolo italiano aggredito dalla crisi economica, temendo il progressivo indebolimento del P.D., ha fornito alle Sue primarie l’arma dell’accattivante “rottamatore RENZI”, non per rottamare il vetero apparato del P.D.,bensì per ammaliare una buona fetta dei populisti indignati e condurli verso la puntellata strada della sinistra politica. Stando allo scontato punteggio delle primarie,Bersani ha sicuramente vinto, ma detta vittoria strategica potrebbe rivelarsi tra qualche mese,alle elezioni senza “gazebi”, in una vittoria di…PIRRO. Dott.Romano Dolce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog