Cerca

Aiutare le donne a non abortire è un interesse per la società e lo Stato.

Signor Direttore, l'Italia, insieme al Giappone, è il Paese al mondo con il più alto tasso di denatalità. Nemmeno gli immigrati vi porranno rimedio. Subito dopo viene la Spagna dove in 21 delle 50 province sono più i decessi che le nascite. Sono la crisi economica o la povertà le cause ? Sembra di no perchè è proprio il nord del mondo, che è ancora il più sviluppato e ricco, a decrescere. L’Unione Europea è la regione del mondo che presenta il più basso tasso di fecondità (1,47 figli per donna) e la più alta percentuale di popolazione ultra-sessantaquattrenne (16,4 per cento degli abitanti dell’Europa dei dodici). Qui coloro che hanno superato i 64 anni sono più numerosi dei bambini (i minori di 14 anni sono solo il 16,2 per cento della popolazione). Ma questo fenomeno si presenta anche in Russia e nei paesi dell’Est, dove il tasso di natalità oscilla tra l’1 e 1,3. Ricordiamo che il tasso per il ricambio è 2,1 figli per donna. Mettendo insieme tutti i numeri si vede che la impressionante crisi demografica è solo delle società più ricche, avanzate e libere del mondo. Il Nord Africa e il Medio Oriente, invece, hanno una media di 3,4 figli per donna, con solo il 3,6 per cento di anziani e il 37,8 per cento di bambini. Aiutare le donne a non abortire e portare a termine una gravidanza non è dunque un fatto ideologico, come dicono gli abortisti, ma un interesse per la società e lo Stato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog