Cerca

Il RITORNO del Cavaliere

ICCARDO ALBANI Silvio Berlusconi torna in campo ed e' pronto a sfidare Bersani , L'avevo ampiamente anticipato visto che ormai lo conosco bene. Giustamente la gente e' spiazzata da questo nuovo cambio di direzione , siamo passati dal "lascio per il bene del paese e via alle primarie" al "Torno per il bene del paese e non si fanno le primarie". Capisco perfettamente quelle persone che dicono , e' il solito "buffone" oppure "non lo sa' manco lui quello che vuole fare". Fin qua' e' corretto , peccato che magari tante persone non hanno capito una cosa fondamentale. Il PDL non e' un partito come gli altri , e' un partito formato e costruito ad immagine e somiglianza di Silvio Berlusconi , e' come la Roma con Totti. Leader indiscusso nel quale senza di lui il resto del contesto perderebbe tanto (nel caso del PDL) tutto il suo potenziale. Il PD e' un altra cosa ed e' per questo che giustamente hanno fatto le primarie , era giusto dar spazio a Renzi , anche se si sapeva che alla fine l'avrebbe spuntata Bersani. Nel Popolo della Liberta' e' impossibile fare primarie semplicemente perche' mancano le persone , Alfano ha ampiamente dimostrato di non avere lo spessore del Leader e quando va' in televisione non ha 1/4 del carisma e della genialita' del cavaliere , gli altri - totalmente inesistenti , ridicola la candidatura della Meloni. Quindi concludendo , che cosa doveva fare Berlusconi se non aspettare il vincitore delle primarie per scendere in campo ? , oppure voleva veder crollare a picco la sua "creatura" che ha saggiamente costruito dal 1994 per poi farla diventare prima "casa delle liberta' " e poi "popolo delle liberta'" ?. Non c'e' scelta e non sto dicendo che sia la migliore , anche perche' probabilmente non lo e' e si doveva trovare un volto nuovo , ma o cosi' o perdi ancor prima di cominciare. Le politiche del 2013 sono come un incontro di pugilato , se si fossero fatte le primarie le avrebbe vinte alfano e con bersani saresti andato KO alla prima ripresa , invece con Berlusconi una piccola percentuale di vittoria puoi averla e male che vada puoi perdere ai "punti" (voti). Berlusconi non e' ne affetto da demenza senile come ho letto e ne e' scemo , e' sceso in campo per difendere la sua "creatura" che sta' morendo fino alla fine , ed io da elettore fedelissimo (e ne vado fiero e lo dico) , saro' con lui fino alla fine , anche nella sconfitta. Finiremo insieme vada come vada

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog