Cerca

IMU da non credere

Qualche anno fà ho comperato un piccolo appartamento in periferia di MIlano, lo ho dato in usufrutto gratuito a mia madre che ne aveva bisogno, continuando io a vivere con la mia famiglia in uno vicino ma in affitto .Fino all'anno scorso tutto bene perchè l'ICI era stata sosospesa e , in aggiunta, essendo l'appartamento in usufrutto gratuito, giustamente anche non soggetto alla dichiarazione del 730 Arriva l'IMU che lo classifica come seconda casa ma la beffa è di qualche giorno fa'. Chiamiamo il comune di Milano per sapere se ci siano delle agevolazioni per la seconda rata e ci sentiamo rispondere che le agevolazioni ci sono ma solo se l'appartamento ha regolare contratto di affitto. In questo caso la rata sarebbe di 960€ mentre nel mio caso, in usufrutto gratuito amia madre, non ci sono agevolazioni a la cifra e' di 1060€! Ma come è possibile che su un appartamento che non frutta nulla ( gratuito) le tasse siano più alte di quelli che invece rendono al padrone di casa un affitto? A qusto punto, se continuerà l'IMU, farò pagare a mia madre 5€ di affitto simbolico per avere le tasse ridotte, ma è una cosache non sta nèin cielo nè in terra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog