Cerca

le paure di pierferdy e bersanosky

la situazione greca vista da un analista greco: "L’attuale situazione economica in Grecia è’ grave. Più di quanto si immagini, tanto più vergognosa in quanto pilotata da una delle oligarchie politiche più ristrette e corrotte al mondo. Non gira più denaro, si registra una fortissima contrazione della domanda di beni e servizi, cui non corrisponde una sostanziale diminuzione dei prezzi. Tutte le misure drastiche e inique adottate dal Governo allo scopo di contenere il deficit, conducono a tale risultato,con l’IVA al 23% (dal 19% che era), la benzina intorno agli 1.60, l’aumento proporzionale di tariffe e dell’energia elettrica con il relativo impatto sulla produzione e la distribuzione dei beni. Inoltre, la soppressione della tredicesima e degli straordinari,l’aumento della tassa di circolazione e di quasi tutte le altre tasse locali e nazionali, l’introduzione di nuovi ticket,l’aumento dei prezzi dei trasporti urbani, non fanno che ridurre la capacità di spesa delle famiglie. I più colpiti sono i lavoratori non garantiti, su tutti i precari del pubblico impiego, numerosissimi, i cui contratti, per decreto, non vengono più rinnovati, i commercianti, i prestatori d’opera." ================================================== dove sono le nette differenze con l'italia? Per il popolino non ne vedo, dov'è che staremmo meglio della grecia?? Ma in caso di default queste situazioni colpirebbero anche i kasti, politici compresi, ed è questo che li spaventa, -- 'sti bast.(omissis) maledetti!!

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog