Cerca

PUBBLICA, E NON PERSONALE, A SILVIO BERLUSCONI

PUBBLICA, E NON PERSONALE, A SILVIO BERLUSCONI Appunti sinottici e proposte di un uomo della strada (per un eventuale programma politico) Se è vero che la preannunziata ridiscesa in campo nell’agone politico ha già provocato le dimissioni del governo Monti, la prima cosa che sorge spontanea è dire a Berlusconi “INTANTO GRAZIE!”; adesso, caro Presidente, tenga lontano i personaggi stile Richelieu, scacci fuori tutti i “mercanti dal tempio” e vada avanti come un caterpillar. Questi i miei suggerimenti: 1. Uscire dall’Euro e ritornare alla Lira italiana. 2. Liberalizzare l’uso del contante. 3. IVA. Prevedere solo due tipi di aliquote: una molto alta per i beni e servizi di lusso (v. ville, crociere, gioielli) e una molto bassa per beni e servizi di necessità (v. prodotti alimentari, libri, spese legali, mediche). La prima casa esente totalmente da tasse. 4. Riforma della Giustizia: a) partendo innanzi tutto da un nuovo sistema di reclutamento dei Magistrati (almeno 45 anni di età e 20 anni di esperienza nell’avvocatura); b) accorpare le Avvocature dello Stato con le Procure della Repubblica (il che renderebbe ipso fatto realmente separate le carriere dei magistrati); c) ripristino del Giudice Istruttore (non è ammissibile, come accade oggi, che la fase delle indagini sia affidata al P.M. “istruttore” con un GIP che interviene di tanto in tanto solo per avallare (spessissimo) o meno (quasi mai) le determinazioni del PM che regna sovrano per tutta quella fase; d) abolizione del rito abbreviato; e) tutti i procedimenti civili, verranno introdotti con atto di citazione, ma seguiranno gli accadimenti come per il cosiddetto ”rito del lavoro”, evitando cioè perdite di tempo inutili e defatigatorie; f) abolire gli automatismi di carriera in magistratura ed in particolare prevedere dei concorsi per diventare magistrati di cassazione; 5. Riorganizzazione dei vertici burocratici. Grave palla al piede dello Stato, bisogna intervenire a gamba tesa per contrastare lo strapotere della burocrazia e prevedere forme straordinarie di assunzione dei dirigenti apicali in tutti i settori della P.A. 6. Riordino pragmatico degli Enti Locali territoriali. Lasciando stare i Comuni per come sono (semmai vanno aboliti i consigli di quartiere, fermo restando che nelle grandi città i cittadini potranno eleggere direttamente il rappresentante unico della municipalità che di diritto parteciperà nella Giunta Municipale), le Province avranno solo un presidente eletto dai cittadini che governerà il territorio con l’assemblea composta dai sindaci dei comuni del territorio. Parimenti nelle regioni verrà eletto dal popolo un Governatore che eserciterà il potere esecutivo sul territorio con l’assemblea composta dai Presidenti delle province. Così facendo si aboliranno consiglieri provinciali e regionali, con notevole risparmio di denaro pubblico e semplificazione reale dell’azione amministrativa. 7. Dare immediata esecuzione al progetto del Ponte sullo Stretto di Messina e prevedere treni ad alta velocità su tutto il territorio nazionale (adesso “Freccia Rossa” viaggia solo da Napoli in su). 8. Riapertura delle case chiuse. C’è chi si riempie la bocca dicendo Europa unita, ma non si capisce perché in Germania la prostituzione è legalizzata mentre in Italia per le strade la sera la gente è costretta a vedere spettacoli indecenti e indesiderati; parimenti consentire l’apertura di Casino in ogni regione (ancora è vietato in Italia, tranne che a San Remo, Venezia, Saint Vincent e Campione d’Italia), considerato che è un settore che fa da traino per il turismo. 9. Forme di tutela particolare e reale per anziani bisognosi e bambini maltrattati e/o abbandonati. Istituire organi di vigilanza sul personale, che deve essere statale come le forze polizia, addetto ai servizi sociali. 10. Incentivi economici e fiscali per i giovani che iniziano un’attività produttiva. Eliminare ogni forma di precariato permanente. Catania 9 dicembre 2012 Giuseppe Lipera

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog