Cerca

RESPONSABILITA' O PRESUNZIONE ?

Ritengo anch’io, come molti italiani, che la ridiscesa in campo di Berlusconi in questo momento non sia ciò che di meglio potessimo augurarci per la nostra Italia. Tuttavia non mi unisco certo al coro di chi urla all’irresponsabilità del PDL. E’ forse stato responsabile il professor Monti comunicando le proprie dimissioni in maniera così precipitosa dopo le parole, peraltro misurate, di Alfano? Mi pare una mossa dettata dall’orgoglio ferito , un guanto di sfida lanciato in faccia a tutti gli italiani, più che un comportamento improntato al senso di responsabilità. Responsabile è stata forse la ministra Fornero, artefice di una pessima riforma che porta il suo nome e che passerà alla storia come esempio di come non debba essere una legge in materia di lavoro, incurante degli appelli di parti sindacali, datorili, di professionisti del settore ? Non appena insediato questo governo tecnico, al di fuori di logiche e ricatti di partito, ci saremmo attesi un taglio energico e deciso ai costi della politica: sarebbe stato un inizio bene accolto dalla gente, che avrebbe accettato di buon grado i sacrifici richiesti. E invece? avanti con imposte nuove e vecchie, rivisitate, aumento esagerato del costo del lavoro, penalizzazioni a pensionati e pensionandi e via dicendo. E’ stato responsabile questo governo ? Quanti posti di lavoro si sono persi in questi dodici mesi? Tutta colpa dei governi precedenti? Il disgusto per la classe politica è aumentato, se possibile, ancora di più, lasciando spazio a movimenti che hanno come sola proposta la protesta, e ciò , lo confesso, mi spaventa molto. Professor Monti, lei avrà anche dato l’immagine del risanatore all’estero, ma qui, nel suo paese,anzi, nel nostro paese, lei sembra un alieno. Ora che avrà un poco più di tempo libero, ne approfitti per camminare tra la gente, vada nei supermercati, visiti la bottega di un meccanico, di un artigiano, si fermi a prendere un caffè in qualche bar di periferia,si mescoli ai disoccupati in fila negli uffici di collocamento, o in fila agli sportelli dell’ INPS, ascolti i problemi dei milioni di persone che non vivono dentro le università o nei palazzi, e forse riuscirà ad umanizzare la sua immensa cultura. Credo potrà tornarle utile qualora volesse rientrare in politica. P.S. : Si faccia accompagnare dalla Signora Fornero, un contatto con la realtà gioverà molto anche a lei. E mi raccomando : andate senza scorta. Altrimenti vi riconoscono subito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog