Cerca

Perché votare Berlusconi

Perché l’Italia deve essere felice di votare Berlusconi. L’Italia deve essere felice della decisione del nostro Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi* di ricandidarsi alle prossime politiche. Anzitutto, la gente deve comprendere che ogni critica fatta da un quotidiano chiamato “La Repubblica” fu solo il tentativo di eliminare una persona scomoda che attaccava interessi di quella parte giornalistica, la quale continua a tutelare alcune caste di cultura bolscevica. Dinanzi alla politica di un uomo chiamato Monti, ho maggiormente compreso quanto fossero corretti i comportamenti ironici nei confronti della Merkel e di ogni rappresentate della comunità europea. Il cucù al Cancelliere tedesco, nonché le corna fatte durante un incontro internazionale devono essere interpretate non come un comportamento rozzo, ma un encomio verso colui che ha avuto il coraggio di prendere in giro coloro che hanno istituito un Europa solo per interessi di alcuni, di cui il Monti - citato prima - ne risulta uno dei più grandi fautori. Votare Silvio Berlusconi, perché sarà colui che con cuore impavido non lascerà l’Italia in mano a incompetenti e fannulloni uomini che siedono a Bruxelles solo per riscaldarla. Nonostante non ho mai amato la sua relazione con Putin, quest’ultimo appartenente a quella parte del comunismo che ha guastato e pone altri problemi per gli interessi dei diritti umani di cui un vero liberale deve farsi sempre sostenitore, io lo comprendo, perché anche in tal caso il nostro Presidente ha agito per l’interesse del paese. Solo un sincero consiglio allo stimato Presidente, lo dico con tono sommesso e cuore aperto: continui a bagnare le sue lenzuola con chi voglia, non è della vita privata di un uomo che noi dobbiamo giudicare, e da buon liberale me ne guardo bene dal farlo, ma lasci le veline nell’alcova, perché abbiamo bisogno di gente competente che guidi questo paese, e di un senso di giustizia, che non lasci intendere che la via del successo si guadagni donando il proprio corpo, ma solo se si è decisi a fare l’interesse del popolo, perché questo è il vero significato del termine fare politica = interesse della polis [polis = gente, quindi «Politica» dal greco significa «aver cura della gente»]. Un cordiale saluto, Lo scrittore Lino Arenare [*Per quanto mi riguarda Silvio Berlusconi è sempre il Presidente del Consiglio, perché scelto dagli italiani]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog