Cerca

l'ultimo digiuno

Marco Pannella ha sempre fatto le sue battaglie per i “Diritti Civili” seriamente e con una convinzione da rasentare il fanatismo. Le carceri italiane, si sa da tempo, sono un pugno nello stomaco alla dignità umana. Complice di questa assurdità una Giustizia lenta, spesso ingiusta. Dopo tanti scioperi della fame e della sete, Marco Pannella stavolta rischia di morire davvero. Sono sei giorni che non mangia e non beve. Oggi si è rifiutato di ricevere perfino il Ministro della Giustizia Severino che era accorsa al suo capezzale per pregarlo di smettere. Il leone ha smesso di ruggire, pochi chili di pelle e ossa non sono accattivanti neppure per gli avvoltoi della politica. Eppure questa sua sconfitta sarà la più avvincente delle sue vittorie. Qualcuno dovrà meditare davvero. Gli uomini nascono per morire ma qualcuno per tornare a nascere. Non so come, in quale modo e quando ma, Marco Pannella, ancora una volta, si farà sentire. Ecco cosa avevano previsto i Maya...dal Salotto di Bartolo Fontana

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog