Cerca

UDC di Casini, Consulta sanità , e diritto alla parola

Egr.Direttore, per sua opportuna conoscenza di seguito copia mia lettera inviata a Casini e Cesa : <<< Gentil.mo On. Casini e On. Cesa Oggetto: Consulta sanità, ma nessun confronto aperto! devo purtroppo ragguagliarLa che i lavori svoltisi mercoledì 19 dicembre u.s. riguardo alla Bozza di programmazione sanitaria proposta dall’UDC hanno determinato nello scrivente un sentimento di profondo rammarico, a seguito dell’atteggiamento particolare assunto dal Sen. Claudio Gustavino, che non ha favorito le condizioni di un dibattito in cui, oltre ad amici e conoscenti, potessero avvalersi della parola anche altri esperti del settore. Il mio disappunto critico è cagionato inoltre dalla modalità organizzativa dell’evento, che, invece di tradursi in un vero e costruttivo confronto, si è risolto soltanto in momento di autocelebrazione dei Redattori della Bozza programmatica medesima. In vero, quantunque abbia affrontato non poche ore di viaggio, sottraendo tempo alla mia attività professionale, unicamente per ascoltare ed eventualmente arricchirmi di nuove conoscenze, tuttavia non mi è stato concesso, contrariamente a quanto era stato diramato attraverso la stampa periodica e ondine, di poter intervenire, alfine di esprimere proprie idee e ponderate valutazioni, utili a definire una più efficace e concreta proposta migliorativa dell’argomentazione dibattuta; anche perché lo scrivente afferisce, non a caso, all’area culturale cattolico-popolare… Non Le sembra che quanto sia accaduto, si riveli piuttosto grave?, in quanto viene censurata la libertà di pensiero?, contraddicendo i noti orientamenti d’apertura dell’UDC verso la cosiddetta società civile? Distinte cordialità e auguri di Buone Feste. Giovanni Savignano Medico AORN “S. Giuseppe Moscati” - Avellino Autore di saggistica sanitaria Gesualdo (AV), 20 dicembre 2012 >>>

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog