Cerca

SIAMO DIVENTATI DEI PANDA

Per gli italiani "storicamente tali", che sono sempre di meno, non è da sottovalutare il rischio (in alcuni casi già realtà) di ritrovarsi entro breve in una "riserva indiana", ovvero emarginati e stranieri nel proprio stesso contesto abitativo. In Italia la popolazione autoctona è votata all'estinzione. Ritengo sia necessaria e urgente una politica demografica nazionale (che si ispiri a quella del Wwf nei confronti dei panda) finalizzata a invertire l'attuale tendenza, che è quella di un dimezzamento della popolazione italiana ad ogni generazione. Una ripresa della natalità che si attesti su livelli fisiologici darebbe inoltre un formidabile slancio all'economia, come già avvenne negli anni Sessanta, caratterizzati da uno storico "boom" demografico. Non vedo però da noi alcuna traccia di una politica di questo tipo, che dovrebbe comportare interventi a 360 gradi (servirebbe anche un nuovo apposito Ministero) per garantire maggiori prospettive e capacità progettuali ai nostri giovani e tutelare in vario modo lo sviluppo familiare. Ci si potrebbe giovare di esperienze altrui, cioè di Paesi come Francia e Germania, che hanno saputo mettere in atto strategie migliori delle nostre. Non servono strane e originali alchimie: per iniziare basta, ma urge, copiare. Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog