Cerca

INDICI DI GRADIMENTO

“Stamani, nello spazio di poche ore dall’apertura, abbiamo già registrato più di ottomila ingressi”. Così, secondo il TG1 delle 13.30 di domenica 23 dicembre, il proclama del responsabile di un mega centro commerciale. A prescindere dall’affollamento, a mio avviso, trattasi di moderno modello di vuota cattedrale dei consumi, mero esempio di veicolo svuota tasche per eccellenza. Non mi piace. ° ° ° Sono ormai numerosi, a detta del medesimo notiziario RAI, gli episodi di cittadini statunitensi che arrivano a rubare le lucette degli alberi e/o presepi e/o addobbi natalizi dai giardini dei confinanti. Tanto, da aver dato luogo ad un vero e proprio caso giudiziario. Se così è, con provenienza dall’avanzata e decantata civiltà USA, si tratta di uno sfuocato specchio morale alla rovescia. ° ° ° Senza alcuna cassa di risonanza TV, c’è il mio coinquilino del piano sottostante, classe 1917, perciò novantacinque anni compiuti, immancabilmente vestito a modo, puntuale protagonista di giri quotidiani a piedi o in autobus, giocatore a carte con gli amici, fumatore, d’estate, ospite, ogni pomeriggio, dei bagni di S. Cataldo, lettore/compilatore della “Settimana enigmistica”. Inoltre, la domenica, in chiesa, quando si canta l’anno “Osanna Eh!”, sempre pronto a partecipare ai battiti ritmati delle mani, di cui, in genere, sono autori soprattutto i bambini e i ragazzi. Ma, a lui, mancano solamente cinque anni per il secolo. Mi piace. 23 dicembre 2012 Rocco Boccadamo Lecce e.mail: rocco_b@alice.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog