Cerca

ITALIA SEMPRE PIU' VOTATA AL CAOS

Per arrivare a svuotare le carceri sovraffollate, lo sconto di pena, l'indulto o l'amnistia rappresentano l'unica strada percorribile, come ci suggerisce Pannella? Penso proprio di no e ritengo anzi che rappresentino la soluzione peggiore sotto l'aspetto sia etico che economico. Se si tiene conto che poco meno della metà della popolazione carceraria è rappresentata da immigrati, in buona parte clandestini, penso proprio che la soluzione eticamente e anche economicamente più corretta sia quella del loro rimpatrio perché possano scontare la pena nel loro Paese di origine. Questa è la soluzione a mio avviso più giusta sia nei confronti degli Italiani onesti, sia anche nei confronti degli immigrati onesti e rispettosi delle nostre leggi. E' chiedere troppo? Mi sembra che questa via sia stata assai poco esplorata e a mio avviso il Ministro degli Esteri dovrebbe darsi da fare in tal senso, attraverso accordi bilaterali tra Italia e Paesi extracomunitari. Sono tuttavia assai poco ottimista in proposito e non scommetterei su un forte impegno del Governo per una politica di questo tipo, non certo per l'impossibilità di ottenere importanti risultati concreti, ma per il rifiuto ideologico e iniquamente pseudobuonista a muoversi in questa direzione. In assenza di validi accordi bilaterali sarà necessario sorvegliare le frontiere e ricondurre i migranti verso il luogo di partenza, in acque internazionali. Una volta prestati i necessari soccorsi, i migranti non verranno, come ora, traghettati in Italia, ma respinti in acque internazionali, al limite delle acque territoriali dei Paesi di provenienza. La violazione delle nostre acque territoriali è oggi una prassi consolidata, poiché l'Italia è un Paese in svendita, in balia dei popoli dove la natalità è ormai insostenibile. La criminalità di importazione rappresenta per il nostro Paese una zavorra sempre più grande e il problema non può essere risolto semplicemente abolendo le carceri. L'impunità sancita per legge è un invito a delinquere e un'offesa per le persone oneste e per il buon senso. Essa allontana sempre più i cittadini dalle istituzioni e li indirizza verso una giustizia "fai da te", ovvero verso la legge della giungla. Questa situazione, destinata a perdurare nel tempo e a peggiorare, grazie alle attuali leggi improntate all'autolesionismo, ha come unico sbocco il caos. Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog