Cerca

Io, iscritto IDV, voterò Berlusconi

Egregio Direttore, sono iscritto a Italia dei Valori dal 2008 e alle prossime elezioni voterò Silvio Berlusconi. Probabilmente sarebbe più corretto definirmi "agnello sacrificale"; io e gli altri miei, ormai ex, colleghi di partito (no, non siamo compagni e non lo saremo mai) siamo le migliaia di morti (in senso figurato grazie a Dio, ma politicamente lo siamo) da portare al tavolo delle trattative coi politicanti della domenica, con gli invasati che con la scusa della "società civile" e dell'associazionismo non ci hanno mai messo la faccia (e le braccia, e la schiena, e la salute) e con chi, nel 2012, si definisce, orgogliosamente, un comunista. Voterò Silvio Berlusconi perché non è come Di Pietro, Berlusconi non ha distrutto un partito e mandato, molto poco velatamente, a quel paese migliaia di persone che, non solo avevano creduto in un progetto, ma ci avevano messo l'impegno nelle raccolte firme, nei gazebo, nelle campagne elettorali. Voterò Silvio Berlusconi perché non è come Di Pietro e come Bersani, Berlusconi non è disposto a svendere qualsiasi ideale basilare, qualsiasi principio fondamentale del proprio partito per correre più facilmente dietro a qualche manciata di voti, dovrà ammettere, caro Dott. Belpietro, che passare da definirsi liberaldemocratico ad allearsi coi comunisti, nel giro di pochi mesi, è un'impresa senza eguali nella storia. Per queste ragioni rispetto e voterò, convintamente, Silvio Berlusconi; per anni mi è stato detto che il pericoloso nemico era fuori dalla porta, alla fine del romanzo si scopre che è invece stato chi doveva essere il tuo miglior amico a distruggerti. Cordialmente Franco

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog