Cerca

Artro che fregati

Un fatto, una poesia Papa Benedetto XVI, studiando approfonditamente, è arrivato a capire che nella grotta non c’erano bue e asinello. E che a cantare non erano i pastori e gli angeli, ma soltanto questi ultimi…(Novembre 2012) ….er presepio – armeno – lassàtecelo in pace. Nun abbasteno …quelli-llà?! Artro che fregati! ….Vabbè…E allora, artro che fregati! Mo puro er papa inizzia a ffà lo strano dicènnoce - a nnoi, popolo cristiano – che semo stati tutti n po’ imbrojati… Sarebbe a ddì che tutti l’antenati dar prete infino all’urtimo profano ner fà er presepio mistico nostrano se sò…dìmo così…se sò sbajati. Ché, pe mill’anni drento in de la grotta assieme co Giuseppe e co Maria co quela convinzione mai interotta, ciànno infilato du’ abbusivi – pàre - pe riscallà er pupetto, cioè er Messia: er bue côr somaro, che nu appàre - ne li libbri antichi - che ce stàveno. Ed a cantà nun èreno ‘i pastori ma l’angeli, che a frotte, volàveno… Ma n po’èsse che sti particolari ‘n ce l’hanno manco messi, che ssò io… ma in còre ce l’ha scritti proprio Iddio? Armando Bettozzi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog