Cerca

LO SCOMPENSO DEMOGRAFICO FA SPROFONDARE IL P.I.L. E L'ITALIA

A differenza che in altri Paesi europei, in Italia il problema dello scompenso demografico non viene in alcun modo affrontato. La situazione perciò non fa che peggiorare. Ora, al di là delle molteplici implicazioni di tale scompenso, si potrebbe anche semplicemente, e in modo riduttivo, prendere in considerazione anche solo quelle che riguardano la nostra economia. La denatalità fa sprofondare il p.i.l., come si può facilmente dimostrare alla stessa stregua di come si dimostra il teorema di Pitagora. Visto che da soli non ci è dato trovare la soluzione, anche perché non la cerchiamo nel modo più assoluto, non potremmo semplicemente copiare da altri, come lo studente asinello che copia il compito in classe dal vicino di banco? POTREMMO TRANQUILLAMENTE COPIARE DALLA FRANCIA. Riporto qui di seguito alcuni dati tratti da un articolo non recentissimo, ma che nondimeno potrebbe rappresentare lo spunto per una riflessione. Bebè e politiche per la famiglia: la Francia in testa alla classifica della "vecchia" europa Alessandra Cicali Pubblicato il 05/02/2009. Con 801.000 nuovi nati sul continente e 33.000 nei dipartimenti d’oltremare, la Francia ha superato, nel 2008, la soglia dei due figli per donna: il più alto tasso di fecondità registrato dal 1981 (Insee – Institut National de la Statistique et des Études Économiques ). La Francia guida il gruppo … Da tempo i francesi si attestano su livelli di fecondità non troppo lontani dalla soglia del rimpiazzo generazionale e il dato è in crescita nell’ultimo decennio: 1,79 figli per donna nel 1998, 2,00 nel 2006, 1,98 nel 2007 e 2,02 nel 2008. È così che la Francia si discosta dai Paesi dell'Europa continentale e meridionale, caratterizzati da tassi di fecondità molto bassi (1,30 figli per donna in Italia e Spagna, 1,36 in Grecia, 1,41 in Germania), e si pone in testa alla classifica dei Paesi con più figli, tra cui spiccano quelli nordici e anglosassoni: Irlanda (1,85), Norvegia (1,78), Danimarca (1,74), Finlandia (1,73), Svezia, Olanda e Gran Bretagna (1,66). Come mostra la tabella 1, fatta eccezione per Regno Unito da un lato e per la Germania dall'altro, la linea di demarcazione, tra il primo e il secondo gruppo di Paesi, sembra essere data dalla presenza di ben salde politiche a sostegno della famiglia. In particolare, nel 2005, la Francia ha destinato alle politiche familiari risorse pari 2,5% del PIL nazionale mentre, in Italia ci si fermava all'1,1%. Tab.1. Spesa per le famiglie, 2005 Paesi % spesa sociale % PIL UE 27 8,0 2,1 Europa meridionale e Germania Germania 11,2 3,2 Italia 4,4 1,1 Spagna 5,6 1,1 Grecia 6,4 1,5 Europa del Nord, paesi anglosassoni e Francia Francia 8,5 2,5 Regno Unito 6,3 1,7 Irlanda 14,6 2,5 Danimarca 12,9 3,8 Olanda 10,7 3,0 Finlandia 11,6 3,0 Regno Unito 6,3 1,7 Norvegia 12,1 2,8 Fonte: Eurostat Proprio nel campo delle politiche per la famiglia, del resto, la Francia vanta una lunga tradizione. Avviata già dai primi anni del secolo scorso, la politica familiare francese si è modificata nel tempo per far fronte ai cambiamenti economici e sociali. Svolte importanti si sono verificate negli anni ottanta, quando l'attenzione si è rivolta alle facilitazioni per la cura dei bambini a sostegno delle madri lavoratrici, e durante la stagione 1997-2002, quando l'impegno pubblico si è concentrato sulla riduzione delle differenze di genere e sul benessere e l’educazione dei piccoli. É attraverso questo continuo percorso evolutivo che il welfare francese è giunto al complesso sistema di interventi che attualmente opera a sostegno delle famiglie. Una politica per la famiglia, tante misure di sostegno Innanzitutto esistono contributi economici per le famiglie con figli. Ne sono esempio le allocations familiales: somme pagate alle famiglie con almeno due figli, elargite per i ragazzi in età scolare (fino a 16 anni), che possono essere conferite per l'intero periodo degli studi e aumentano al crescere del numero dei figli. Nel 1997, un tentativo di escludere le famiglie più ricche dal diritto al contributo è stato fortemente osteggiato, e la copertura è rimasta universale. Altre forme di sostegno sono rivolte alle famiglie più povere. Si tratta di contributi per gli affitti, del RMI (Revenu minimum d'insertion) e dell'API (Allocation de parent isolé) destinato alle famiglie monoparentali con difficoltà economiche, pagato nell'arco del primo anno di vita del figlio, e rinnovabile fino al terzo anno di età. Per favorire l'occupazione femminile, inoltre, sono state create forme di sostegno economico orientate direttamente a coprire i costi per la cura dei figli. Fanno parte di questi provvedimenti l'APE (allocation parentale d'éducation), elargito al padre o alla madre per i bambini fino a tre anni, l'AGED (allocation de garde d'enfant à domicile) e l'AFEAMA (Aide aux familles pour l'emploi d'une assistante maternelle agréée), destinati alle famiglie che assumono baby sitter. Una fetta importante delle politiche familiari riguarda i sostanziosi sgravi fiscali e il sistema pensionistico che conteggia parte del tempo dedicato ai figli. Mentre, la presenza dei genitori durante il periodo di crescita dei piccoli è garantita secondo un sistema non troppo diverso da quello italiano: congedo parentale, maternità e paternità retribuite sono diritti per i genitori francesi. A questi si aggiungono particolari permessi di assenza dal lavoro per accudire i figli malati in età scolare. Permessi retribuiti o lavoro part-time, infine, sono consentiti ai genitori che devono accudire figli portatori di handicap o colpiti da gravi malattie. Punto di forza delle politiche familiari francesi sono, inoltre, i provvedimenti che combinano il sostegno alla famiglia con quello all'occupazione femminile. In questo ambito, l'offerta di servizi di cura per i più piccoli appare ampia. Ai già citati aiuti di carattere economico, destinati a coloro che decidono di affidare i piccoli a baby sitter all'interno della propria abitazione, si aggiunge l'offerta delle strutture pubbliche, potenziata con un investimento da 228 milioni di euro tra il 2000 il 2001, e in ulteriore fase di espansione. Con il PAIPPE (Plan d'Aide à l'Investissement Pour la Petite Enfance), un programma di investimento da 44 milioni di euro varato nel 2007, è prevista la realizzazione di 4.000 nuovi asili entro il 2010. Tutto questo è garantito dalla CNAF (Caisse Nationale des Allocations familiales), un ente pubblico che finanzia l'insieme delle prestazioni familiari e definisce le strategie di azione delle politiche sociali per la famiglia. La CNAF è coadiuvata nel suo lavoro da 123 CAF (Caisse d'Allocations familiales), organismi di diritto privato distribuiti sul territorio. Nel 2007, la spesa complessiva della Cassa ha superato i 66 miliardi di euro, di cui oltre 46 destinati alle prestazioni per le famiglie e 20 di sostegno alla precarietà. Tab.2. Spesa CNAF, 2007 (milioni di euro) Euro Famiglia 46.153,20 Famiglia- aiuti diretti 39.268,90 Famiglia- eccetto prima infanzia e alloggio 19.057,30 Famiglia- prima infanzia 12.845,20 Famiglia- affitti 7.366,40 Famiglia- aiuti indiretti (congedo parentale, maggiorazione delle pensioni…) 6.884,30 Precariato 19.978,20 Reddito sociale minimo (RMI…) 13.253,20 Alloggio (beneficiari senza figli) 6.752,00 Prestazioni totali 66.131,40 Fonte:CNAF, rapporto annuale 2008 La spesa per le famiglie è stata così suddivisa: 39,3 miliardi di euro versati direttamente alle famiglie, 6,9 miliardi per i congedi parentali e gli aiuti per l’assistenza gli anziani. Tra gli aiuti direttamente versati alle famiglie 12,8 miliardi (il 28% del totale destinato alla famiglia) sono stati riservati alla prima infanzia e 7,4 (16%) ai contributi per gli alloggi. Si tratta, peraltro, di cifre in crescita, sia per le rivalutazioni approvate nello scorso dicembre (3% per le prestazioni destinate alla famiglia e del 2,95% per quelle destinate agli affitti) sia a causa del periodo di crisi internazionale che potrebbe determinare un ulteriore incremento del sostegno pubblico all'economia familiare. Approfondimenti: Insee, "Bilan démographique 2008", n.1220, gennaio 2009 The CIA World Factbook, 2008 Eurostat, "Social Protection in the European Union", Statistics in focus 46/2008 M.T. Letablier, "Fertility and Family Policies in France", 2003 Cnaf, "Rapport annuel 2007", 2008 Cnaf, Dossiers d’Etudes, Comparaison européenne des aides aux familles, n. 112, 2009 Con i più cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog