Cerca

BELPIETRO...INDRO MONTANELLI....VERGOGNA.

Il giornalista Severgnini si candida con il PD! Chissà cosa penserebbe Montanelli....??? chissa cosa penserebbe di TE Caro Belpietro, complimenti per questo TITOLO, VERGOGNATI NEL NOMINARE MONTANELLI...il Giornalea nche da te DIRETTO, è un quotidiano nazionale italiano fondato a Milano nel 1974 da Indro Montanelli, il quale lo diresse ininterrottamente fino al 1994. Dal 1979 è proprietà della famiglia Berlusconi (dal 1992, di Paolo Berlusconi)... Il primo numero uscì il 25 giugno 1974. Dall'editoriale del nº 1 de «Il Giornale Nuovo»: "Al lettore" MONTANELLI SCRISSE... [Chi sarà il nostro lettore] noi non lo sappiamo perché non siamo un giornale di parte, e tanto meno di partito, e nemmeno di classi o di ceti. In compenso, sappiamo benissimo chi non lo sarà. Non lo sarà chi dal giornale vuole soltanto la "sensazione" […] Non lo sarà chi crede che un gol di Riva sia più importante di una crisi di governo. E infine non lo sarà chi concepisce il giornale come una fonte inesauribile di scandali fine a se stessi. Di scandali purtroppo la vita del nostro Paese è gremita, e noi non mancheremo di denunciarli […] Ma non lo faremo per metterci al rimorchio di quella insensata e cupa frenesia di dissoluzione in cui si sfoga un certo qualunquismo, non importa se di destra o di sinistra […] Vogliamo creare, o ricreare, un certo costume giornalistico di serietà e di rigore. E soprattutto aspiriamo al grande onore di venire riconosciuti come il volto e la voce di quell'Italia laboriosa e produttiva che non è soltanto Milano e la Lombardia, ma che in Milano e nella Lombardia ha la sua roccaforte e la sua guida. Quando nel 1994, Berlusconi fondò Forza Italia, l'ex editore, che fino ad allora non aveva mai messo piede in redazione, si recò per la prima volta a un'assemblea della redazione del quotidiano.Ai redattori chiese esplicitamente l'appoggio del "Giornale" per la sua parte politica durante la campagna elettorale. Per Montanelli, che in tanti anni di direzione aveva abilmente scansato le pressioni del gruppo editoriale Berlusconi, fu un duro colpo alla propria indipendenza. Montanelli trasse la conclusione che il quotidiano da lui fondato si apprestava a diventare un giornale di partito. Si dimise affermando che si era verificata una rottura insanabile con la proprietà. Il 12 gennaio 1994, pubblicò il suo editoriale d'addio. BELPIETRO NON HA NEANCHE UNA BRICIOLA DI CIÒ CHE ERA MONTANELLI...SIETE SOLO LECCHINI. Vincenzo da Zurigo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog