Cerca

Lettera aperta a tutti i segretari di partiti e movimenti politici

Il momento storico che sta vivendo il nostro Paese è particolarmente complesso ed è legato a quello che si sta verificando a livello globale, dove il bisogno di rinnovamento si manifesta già da tempo senza mai riuscire ad ottenere risposte soddisfacenti. Nel panorama politico italiano si affacciano diversi nuovi movimenti/schieramenti accanto a quelli già esistenti ai quali la gente, i cittadini, gli adulti e i giovani chiedono un serio cambiamento. Cambiamento non da intendersi meramente in nuovi volti ed età anagrafica, ma come seria volontà di dare spazio a tutte quelle realtà che rientrano negli ambienti politici, come della società civile, che hanno intenzione di dedicarsi alla gestione della cosa pubblica nell'esclusivo interesse dei cittadini. Giovani per ROMA sostiene, come noto, che una valida iniziativa potrebbe essere quella di inserire nelle liste elettorali, di qualsiasi competizione, il 50% di nuovi soggetti che intendono servire il Paese da protagonisti. Il mondo giovanile viene continuamente citato come "categoria privilegiata" per il prossimo governo, a cui dare priorità, attenzione ed un futuro. Crediamo fortemente che un segnale serio potrebbe essere quello di dare una chance e spazio proprio al mondo giovanile, il quale nel corso della prossima legislatura deve essere coinvolto direttamente. Oggi più che mai è opportuno dare seguito e applicare concretamente quanto viene auspicato dando spazio a nuove linfe, idee, passione e amore per il Paese. Non è stato possibile modificare la legge elettorale per consentire la scelta di chi dovrà rappresentare le istanze delle persone, ma partiti e movimenti sono ancora in tempo per dare seguito alle richieste degli elettori. Pertanto ci auspichiamo che partiti e movimenti accolgano il messaggio e nelle prossime liste inseriscano numerosi giovani qualificati, preparati e con sufficiente esperienza lavorativa (che passa dallo stage, ai contratti a progetto e per i più fortunati quello a tempo determinato, insieme a quei giovani che hanno avviato una esperienza imprenditoriale) che sarà quel quid in più, quel segnale che la gente, che gli italiani chiedono da molto tempo. Seguendo la nostra modesta indicazione, probabilmente il numero dei non votanti potrebbe avere una importante flessione come novità e mutamento. E' quanto scrive in una nota al Direttore di Libero, Andrea Chiappetta, Presidente Associazione Giovani per ROMA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog