Cerca

terrorismo fiscale

Caro direttore, credo che in questo clima di panico dovuto a questa profonda crisi che affligge il nostro paese da anni ed ora come non mai ancor di piu', la cosa che non si dovrebbe fare è diffondere panico con l'introduzione del nuovo redditometro che dal mio punto di vista è illiberale e che sara' usato sempre contro i soliti "idioti" inoltre ritengo che la sua retroattivita' sia ingiusta perche' è come se avessi commesso un reato 3 anni fa' ma vengo punito oggi con delle regole nuove. Credo che ci dovrebbe essere un rinnovamento del fisco e dei suoi dipendenti data la loro ostilita' e la loro presunta malafede nel contribuente ancor prima di parlare. In questa campagna elettorale vedo tutti contro tutti ma nessuno e dico nessuno ha espresso opinione su questo strumento di ingiustizia sociale che sta letteralmente spaventando gli italiani. Spero che siano adottati dei provvedimenti al riguardo perche' è giusto che vengano perseguiti gli evasori ma non in questo modo. Inoltre i grandi EVASORI non vengono mai colpiti e se qualcuno vien scovato la fa' franca grazie ai suoi migliori tributaristi in circolazione mentre il piccolo commerciante o artigiano si ritrova di fronte ad un ricatto e l'unica via d'uscita è quella di accettare un compromesso e pagare a volte rivolgendosi ad usurai oppure per finire suicidati perche' oppressi dallo stato. Spero che qualcuno pogna particolare attenzione a questo problema o riavremo come nei mesi scorsi, suicidi o attentati alle istituzioni dato che tra il caro vita, tasse, imu, tassa sui rifiuti non si arriva alla fine del mese. Grazie GIANNI

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog