Cerca

Emergenza educativa

Buongiorno, ho letto il valido articolo di S.Lucarelli " Contro il bullismo via twitter servono i genitori-mastini". Sono genitore ,fino allo scorso anno anche presidente di un ' associazione senza scopo di lucro formata da genitori attivi nella scuola del nostro comune e nel sociale ( come vedete i genitori non sono tutti latitanti....). La mia attività di volontariato è iniziata nel 2003, ho accompagnato per un decennio alunni e genitori, ho partecipato a convegni , corsi per accrescere la mia conoscenza del settore. Abbiamo utilizzato i nostri fondi per organizzare interventi di esperti dedicati ai genitori, alunni e docenti. L'emergenza educativa esiste da decenni, ma se ne parla solo quando è successo l'irreparabile, poi dopo un paio di giorni tutto torna nell'oblio. I giornali, la televisione torneranno a dare priorità a Miss Bumbum che mostra il sedere, alla sexy politica, al mal di pancia del politico di turno. Dobbiamo essere consapevoli che stiamo allevando una generazione di persone fragili forse come mai in passato, questo grazie soprattutto alla carenza di valori e validi esempi. La televisione ha grandi colpe, attualmente è il mezzo educativo a cui fanno riferimento le masse e ci trovano esempi poco edificanti soprattutto di figure femminili. Violenza a tutte le ore anche in fasce protette, telegiornali dirottatati su notizie da audience, si arriva a tutto pur di accrescere quel numerino che indica gli ascolti. Bisogna partire con riforme serie e tornare ad interessarsi di famiglia e di valori, attuare una seria riforma televisiva e praticare televisivamente parlando il rispetto delle regole e delle buone maniere. La scuola inoltre deve smetterla di riempire i cervelli solo di date e numeri, si deve pensare all'educazione e istruzione dei cuori! Sì, la cultura va bene ma bisogna insegnare anche il rispetto per se stessi e gli altri se vogliamo dare alle nuove generazioni il futuro che meritano. La famiglia da sola non può farcela, servono sinergie di forze, ognuno deve fare la sua parte e prendersi le sue responsabilità. G Stefania Fiorin-Vedano Olona-

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog