Cerca

Protesta davanti Annabella, Sabato 12 Gennaio

Buongiorno, Sono Andrea Sinesi e vi scrivo da Milano per segnalarvi un importante evento animalista dove, oltre che informare i cittadini e fare pressione al negozio, è importante far parlare anche giornali, tg e vari programmi. Si tratta di una protesta davanti (ormai il più famoso negozio di pellicce) Annabella di Pavia. La protesta si svolgerà proprio davanti la pellicceria, in Corso Cavour 1, 27100 PAVIA (PV). Come ormai saprete, gli animali allevati per la loro pelliccia vengono imprigionati in piccole gabbie, in pessime condizioni igieniche... Animali abituati a vivere in natura, nel loro habitat, in libertà, sono costretti a passare il loro resto della vita in gabbie fatiscenti. Questo provoca agli animali danni fisici e psicologici... Gli animali hanno paura, non si danno pace, alcuni scavano sulla rete con la speranza di sfuggire, scavano fino a lacerarsi, corrono avanti e indietro. Alcuni mostrano segni di cannibalismo. Gli animali "da pelliccia" vengono allevati in gabbie strette ed anguste adatte a far risparmiare spazio all'allevatore, ma soprattutto a impedire il movimento dell'animale che potrebbe rovinare la sua pelliccia. Negli allevamenti attuali non si può certo dire che vengano rispettati i loro diritti! Chiusi in piccole gabbie, costretti a muoversi su superfici innaturali che spesso portano al ferimento delle zampe (reti metalliche), isolati dai loro simili, alimentati in maniera innaturale. La loro vita è molto breve (il tempo necessario perché la loro pelliccia sia utilizzabile) e non essendo animali destinati all'alimentazione umana le loro carni non vengono sottoposte a controlli. Il che permette agli allevatori di utilizzare composti chimici e farmacologici in grado di tenere in vita gli animali anche se in condizioni così assurde. Nonostante ciò, il tasso di mortalità negli allevamenti è spesso alto. Le cattive condizioni di allevamento si ripercuotono sui comportamenti che gli animali presentano: ripetizione ossessiva dello stesso movimento, aumento dell'aggressività, paura, stato di profonda apatia, comportamenti isterici o autolesionisti come spezzarsi i denti mordendo la gabbia. Una tecnica di allevamento particolarmente crudele è quella di esporre, in inverno, gli animali al freddo per far sì che sviluppino una pelliccia più folta. L'uccisione può avvenire sia con il gas che con l'elettricità, non essendo gli animali tutelati da alcuna legge a riguardo. Nel caso di soffocamento da gas, gli animali vengono chiusi in gabbie di legno collegate allo scarico di una macchina agricola (in genere). Nel caso di morte con elettricità due elettrodi vengono inseriti nella bocca e nell'ano e vengono trattenuti con delle pinze mentre la scarica elettrica li uccide. Purtroppo sono tanti (10-20 milioni di mammiferi) anche gli animali uccisi in libertà per farne delle pellicce. Nei boschi si usano le tagliole. Gli animali vittime di queste trappole rimangono anche per una settimana ad aspettare il cacciatore che verrà ad ucciderli. Nel frattempo la ferita si gonfia provocando dolori indescrivibili. Cosa ancora più assurda è il fatto che spesso gli animali vittime delle tagliole sono animali non utilizzabili per le pellicce, quindi è una caccia spietata che non risparmia nessun mammifero abitante del bosco. Saremo, per l'ennesima volta, la voce di milioni di animali scuoiati vivi, vittime dell'industria della pelliccia. Ci farebbe piacere, se anche voi darete il vostro contributo, magari facendo un servizio\articolo sulla protesta e quindi delle barbarie che ogni giorno devono sopportare queste povere creature. Fateci sapere se verrete anche voi La protesta si svolgerà, come già scritto, davanti la famosa pellicceria Annabella in Corso Cavour, 1 a Pavia, dalle 15 alle 19, SABATO 12 GENNAIO La protesta consisterà nel tenere cartelloni e\o striscioni, utilizzare megafoni\fischietti, distribuire volantini e ci sarà una gabbia grandezza uomo (70x100 circa) dove ci sarà "imprigionato" un'attivista, simulando l'animale privo di libertà. L'obiettivo è fare pressione sulla pellicceria ma soprattutto informare la gente, i cittadini, i passanti... Sarà presente anche una scatola dove la gente può "buttare" dentro la loro pelliccia\inserto in pelliccia, dire addio al passato e abbracciare questo "stile di vita"... Speriamo abbia successo... Speriamo aprano gli occhi Evento su facebook: http://www.facebook.com/events/284713411650675/?ref=22 Grazie per l'attenzione In attesa di risposte Porgo distinti saluti Andrea Sinesi Milano andrea.sinesi@live.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400