Cerca

CRISI ECONOMICA

Spett.le Direttore, Che strana la crisi economica, basta nominarla che s’appresta ad arrivare. La crisi altro non è che una reazione a catena che chiunque in teoria può innescare. In un qualsiasi paese ci si trovi pare sia sufficiente annunciare l’arrivo di un periodo di crisi economica, anche se non suffragato dal minimo segnale, che automaticamente la società si lascia “contagiare” da questo messaggio negativo. Quella che era solo una voce, non circola senza lasciare conseguenze, ma si riflette nelle azioni quotidiane. Le famiglie cominciano a prestare attenzione a come si spendono i soldi e si prosegue limitando i consumi e facendo maggior economia rispetto al passato. A causa di questa psicosi collettiva vanno diminuendo i consumi e crollano le vendite e a loro volta chi produce rallenta la produzione sempre che non si veda costretto a chiudere e questo si traduce con un esubero del personale che viene lasciato a casa. Dalla crisi raccontata a quella reale il passo è breve, purtroppo chiunque può innescare un meccanismo perverso come questo, l’unico modo per uscire dalla crisi è quello di ricominciare a spendere. Cordiali saluti, Loris Dall’Acqua Poggio Berni (RN)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog