Cerca

la campagna elettorale e la scampagnata delle liste

LA CAMPAGNA ELETTORALE E LA SCAMPAGNATA DELLE LISTE. I “corsi e ricorsi storici” delle campagne elettorali, svolte dalla nostra Giovane Repubblica, hanno fornito agli italiani una costante alla quale, anche la campagna in corso, è rimasta fedele. In sostanza,ancora una volta,in vista di un nuovo governo,coloro che sono “scesi o saliti in politica” si sono avviati verso le elezioni ,con tanti “bagagli firmati” quanti sono i partiti o raggruppamenti aspiranti ai voti necessari per svolgere i noti poteri descritti nella Carta Costituzionale. Detta vocazione istituzionale è esplosa,prima della prossima tornata elettorale,in un fuoco pirotecnico di idee,auspici e polemiche ,degno di una rappresentazione teatrale aperta a tutto ed al contrario di tutto. Non è un caso che la frenesia politica sia giunta a proiettare in anteprima ben 169 liste….Ma gli attori di siffatto “teatro” hanno recitato, sulla televisione e la carta stampata, ognuno la propria parte,sorvolando il tragico vissuto di un popolo angustiato da una crisi economica, in continuo peggioramento da circa 6 anni. Il popolo italiano è afflitto dalla peste della “recessione”?SEMBRA PROPRIO DI SI. La cura di detta pestilenza, nota ai governi sanitari di mezzo mondo e della “nuova Italia europea”, è stata affrontata con ragionevole unità di intenti da tutti i contagiati Europei? DIREI PROPRIO DI NO. In Italia si è fatto ricorso perfino alle cure specialistiche di “ Tecnici di chiara fama” che hanno imposto una cura intensiva di tasse antibiotiche su milioni di malati quasi terminali. Purtroppo, il pubblicizzato “baratro”economico iniziale, dopo 13 mesi di terapia tecnica, è diventato un rimpianto eufemismo. Qual è l’attuale “ password” dei politici nostrani? E’ “crescita”,sempre “crescita”,fortissimamente “crescita” . Peccato che il problema irrisolto sia ancora quello preistorico di far crescere il grano sulla neve perenne…… Accadrà per la “primaria”volta, nell’anno di grazia 2013? La speranza è l’ultima a morire. Dott.Romano Dolce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog