Cerca

Thyssen Krupp, ILVA, Merkel e Monti...ma guarda un po'

Egregio Direttore sarà anche solo un caso ma verso Giugno 2012 quando Merkel e Monti si sono messi d' accordo per la questione dello spread a Taranto si sono accorti, dopo decenni, che la ILVA è una struttura inquinante e con un piccolo anticipo su tutti le azioni della Thyssen Krupp sono andate a picco per poi immediatamente risalire a palla facendo guadagnare somme ingenti a chi era al corrente doi certi dettagli. Successivamente Monti si butta in politica e, per restare presentabile agli occhi degli elettori, mette su una manovra mirata a "salvare" l' ILVA ma prontamente bloccata dai magistrati. Cosa ne consegue? Che la ILVA avendo i prodotti finiti e semilavorati sequestrati (perchè poi?) non puo' effettuare lavorazioni e/o consegne e che pertanto la clientela nazionale ed estera potrà/dovrà rifornirsi dalla Thyssen Krupp che in questo modo senza colpo ferire porta via alla ILVA i mugliori clienti, E' tutto un caso? Mah, dica lei...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog