Cerca

UNO STATO PER LA GENTE, IL PDL PUÒ PROVARCI?

Per liberare energie,e credere che ce la possiamo fare c'è bisogno di dare dei segnali di rasserenamento efiducia agli italiani ,specie gli indecisi ,ma comunque a tutte le categorie,impiegati, lavoratori, giovani, imprese ,pensionati, famiglie in genere, bisogna fare in modo di cancellare questo ultimo anno in cui la gente ha vissuto con la sensazione di esere abbandonato, anzi ha visto il volto di uno stato non solidale ,libero ,ma uno stato con la faccia feroce ,a caccia di soldi ,invasivo nelle loro vite , trattati con indifferenza verso le loro prioritá ,lavoro, famiglia ,benessere ,,produttivitá. Insomma manca una idea di stato una prospettiva ,che ci dia sicurezza e ci dica che paese vogliamo diventare e sinora le forze politiche, a destra come a sinistra ,non hanno dato buona prova di sè con il mare di corruzione dilagante, e gli scandali ,mentre il popolo è in difficoltá ,questa gente pensava ai fatti loro,è normale che poi il cittadino sia deluso,e pensi di astenersi, perchè non crede alla politica. Bisogna ricominciare chiedendo scusa del passato e con dei chiari segnali di una idea di paese,come? Si metta tra le prime cose da approvare ,un disegno di legge che dichiari impignorabile la prima casa,questo sarebbe un ottimo segnale per le famiglie ,i giovani, i pensionati,poi si potrebbe esentare dall'imu tutte le case affittate alle giovani coppie ,poi per le imprese e per la finanza ,separare le banche d'affari dalle banche commerciali ,che tornino a fare le banche e supportare le pmi,invece che speculare con i risparmi degli italiani, senza finanziare i cittadini che portano lì i propri soldi.,insomma basterebbero queste due tre cose per lanciare un segnale che il vecchio si vuole cambiare e si vuole stare dalla parte dei cittadini ,dei giovani e delle imprese,insomma uno stato per lo stato. poi riforme della costituzione e annullamento della legge fornero,imite di mandati parlamentari o politici,annullamento delle regioni e provincie ,accorpamento comuni, creazioni di tre grandi macroregioni nord sud, centro, che gestiscano politiche di sviluppo comuni,gestione delle aziende di stato affidate a privati ,(non più a manager pubblici che sperperano e costruiscono carriere e ricchezze)remunerate con percentuali sui risparmi che sarano stati in grado di ottenere con razionalizzazione di spesa e controllo degli sprechi, aumento della produttivita,reintroduzione del cipe, per i controllo dei prezzi per le forniture ospedaliere e in genere su tutti i prezzi delle forniture pubbliche ,abolizione dei finanziamenti pubblici ai partiti, sindacati, fondazioni,giornali,berlusconi che dice di essere un imprenditore ,non si serve di manager per mandare avanti le sue aziende ?,bene, apra ai privati per gestire la spesa pubblica, mantenendo la proprietá per lo stato, non come è stato fatto in passato regalando ai privati i gioelli dello stato,e tenendosi quelle aziende improduttive. Lo stato dá i soldi e deve ricevere dei servizi adeguati. Quanto versa nelle sue casse per la spesa pubblica, mai più comprare gli F35, quando la gente vende gli oggetti d'oro e si suicida,tradurre chiaramente un concetto i cittadini sovrani ,non sudditi, coloro che lavorano per lo stato sono dipendenti non padroni,e per chi non la pensa così ,severe regole per scoraggiare questo malcostume,togliere comunque potere ai dirigenti pubblici ,messi lì dai loro refrenti politici ,che agiscono secondo logiche di interessi di parte e non garantiscono qualitá ma ,solo,clientelismo,immobilismo e arricchimenti indebiti. Basta alle nomine politiche per universitá ,sanitá,etc.assessori,consigleri,funzionari in genere,sottosegretari,se ne devono andare, a questi posti si può accedere solo per concorsi pubblici e per titoli..facciamo le cose seriamente...! Questa si chiama pulizia vera , azione nell'interesse dei cittadini,e ripartenza su basi di credibilitá questa è la vera credibilitá di cui i governi hanno bisogno, non quella di qualche burocrate che ha gia há sistemato i propri figli nelle banche d'affari e viene a dirci che il rigore è necessario,certo per fare arricchire gli speculatori, penso che questa gente meriterebbe una condanna all'esilio,come proporrei per chi ruba allo stato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog