Cerca

vivendo una realtà separata

Egregio Direttore, è ormai dal 2 agosto 1980, giorno della strage di Bologna, che vivo in conflitto con me stessa, dibattendomi ogni giorno fra l'impegno per migliorare la realtà in cui vivo, occupandomi di cultura e imprendendo attività commerciali, e l'irrefrenabile impulso a mettere qualche migliaio di chilometri fra me e la mia amata terra di Sicilia. Ma l'ultimo anno, funestato da un Governo tecnico degno delle migliori commedie di Feydeau, intersecantesi a tratti con le più fosche tragedie di Eschilo, mi ha convinto che ormai vivo in una realtà separata. Dato che non credo affatto che il sig. Monti sia affetto da cretinismo acuto (nè lui nè il suo staff ), il piano , concretizzato fin ora, di distruggere l'Italia, portandola alla stagnazione economica, motivo per cui ha avuto una reprimenda dall'OCSE, sottende qualcosa di diverso che mi ripugna esternare, ma che, di sicuro, attraversa la mente di chi, come me, non ha portato il cervello all'ammasso. Feydeau dicevo, infatti la commedia degli equivoci si riassume, una per tutte, nella vicenda tragica e, contemporaneamente, orribilmente esilarante, del crac della Montepaschi cui abbiamo dato 4 miliardi di euro (tranne poi sapere che mld 1,2 sono stati rigirati al PD, come argent de poche) ! Mi chiedo e le chiedo: oggi, il sig. Monti, in veste di novella viola mammola, chiede chiarimenti alla Banca d'Italia, in cui, peraltro, ripone la massima fiducia,per il mancato controllo su MPS, ma lui dov'era quando veniva votato il decreto salva-MPS in Senato? non mi fraintenda, so perfettamente che c'era ed era ben vigile! era il vigile che dirigeva il flusso del nostro danaro stornandolo dalle nostre tasche, vedi IMU anticostituzionale, ai caveaux di Banche italiane ed estere. Ma la Pirandelliana maschera che ricopre i volti di questi personaggi in cerca d'autore, (il Governo Monti) ha assunto sfumature di colori i più disparati, tanto da farmi pensare di vivere ogni giorno sotto l'effetto di sostanze psicotrope , almeno secondo quanto recita la letteratura in proposito. Alla fine della commedia, le elezioni politiche, sul proscenio: ex capi di governo, giudici che si candidano incostituzionalmente, primarie fatte per raggranellare qualche milione di euro e puntualmente disattese, parità di genere (cos'è?), il tutto condito da femminicidio giornaliero, omicidio del diritto naturale e impoverimento strategico di tutta la classe borghese. In altri Stati, l'avremmo chiamato Golpe bianco, nel nostro? Nell'augurio a me e a lei di poter mettere quanta più distanza possibile fra noi e questo Inferno dantesco, onde preservare la nostra salute mentale, le propongo nel frattempo una sottoscrizione per raccogliere fondi onde inviare questo Governo,( a spese nostre, per carità!) a farsi curare presso una nota clinica di Berlino che risolve la "sindrome di Pinocchio", da cui pare essere genericamente infetto. Anche con la compagnia di qualche noto esponente politico di entrambi gli schieramenti. Nel ringraziarla, per l'opera di educazione civica in cui si intestardisce, le porgo i miei migliori saluti. La Primula Rossa

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog