Cerca

il male assoluto?

Buon giorno, volevo dire la mia riguardo alle affermazioni fatte da Berlusconi, che condivido pienamente. Innanzi tutto, durante l’occupazione italiana di parte della Francia meridionale, l’80% degli ebrei francesi e non che ancora risiedevano in Francia prima de 42, si sono subito riversati nei territori occupati dall’esercito italiano per scappare alle persecuzioni naziste e del governo di Vichy. Furono circa 260.000 ebrei quelli che scamparono da morte certa, che Mussolini protesse, attirandosi l’ira di Hitler e di tutta l’elite nazista. Il ministro degli Esteri von Ribbentrop in persona protestò con Mussolini. Venne quindi nominato un commissario per il "problema ebraico", il commissario di polizia Guido Lospinoso. Lospinoso, che collaborava con sacerdoti cattolici e con il finanziere ebraico Angelo Donati, si adoperò invece egli stesso per proteggere gli Ebrei rifugiatisi in zona italiana. Lo stesso generale Cavallero disse che gli eccessi contro gli ebrei non sono compatibili con l'onore dell'esercito italiano. Più e più volte, reparti sia di Vichy che della SS si presentarono con mezzi pesanti per chiedere che gli venissero consegnati gli ebrei, ma la risposta fu sempre negativa. Numerose sono le testimonianze di ebrei che ricordano quegli avvenimenti, descrivendo la disparità di armamenti tra gli italiani ed i tedeschi oltre che del fisico, ma sottolineandone la ferma decisione di proteggere gli ebrei. Finche’ Mussolini ha avuto il potere militare e politico nessun ebreo è stato mandato a morire. Certamente l’antisemitismo era presente in parte dei gerarchi fascisti, spesso anche per motivi di soldi o di gelosie nei confronti di altri esponenti fascisti di religione ebraica. Le leggi razziali fatte da Mussolini per motivi di politica di facciata più che per motivi di vero antisemitismo non hanno certo scusanze, sono state non errori ma orrori, che inseguito al tradimento del re sono servite a facilitare le persecuzioni naziste. Ma la cosa che ancora mi fa storcere il naso per non dire altro, è il comportamento da avvoltoi di una parte della sinistra, che utilizza quell’orrore come una bandiera personale per attaccare gli avversari politici. La shoah è stata una offesa contro la razza umana di destra centro o di sinistra, dell’umanità in generale, come i Gugal e le foibe. La storia è sempre scritta dai vincitori, ma non è mai tutta nera o bianca, ma sempre fatta di sfumature. 260.000 ebrei salvati sono il male assoluto?, e poi siamo sicuri che delle persone che fino a pochi anni fa facevano il saluto con il pugno chiuso (Bersani,D’Alema,Fassino ecc, ci sono i video anche su youtube) possano parlare e dare insegnamenti di democrazia? Comunismo e Nazismo due facce della stessa medaglia, ed ancora non ho sentito da parte loro una seria presa di distanza con il comunismo (Vendola e non solo per capirci). Distinti saluti M.L

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog