Cerca

fusse... che fusse - una storia una poesia

…è il momento degli scandali della sx: dalle amministrazioni locali, al MPS (Gennaio 2013). Ma…fusse che fusse…! Ma…fusse che fusse che mo s’ariggira er giro che prima girava sortanto pe solo na parte, facenno rumore pe facce anniscònece l’artra, de parte?! Speramo che ‘n dicheno più “semo quelli co tanta morale…co tanta onestà…”, che ormai j’è zompato er coperchio che prima metteva er siggillo a la fanga che c’è. È ora de scenne da quer piedistallo ndo s’ereno messi der tutto abbusivi: sò poveri cristi…sò uguali a quell’artri, e er puzzo sortito, ‘n po’ più…sprofumà! “A chiunque ce dice quarcosa de male abbadi! che a mòzzichi… se lo sbranamo!” ha detto quarcuno che a ddì de quell’artri j’è sempre piaciuto, ma a llui…’n ce vò stà… Le chiacchiere ar vento nun fanno più effetto, e quela canzona che sempre cantate, che ffà “io nun c’entro…”, n se po’ più sentì: invece de stà a litigà…controllate! Sinnò ce lo dite perché v’accanite a chiédece er vôto, si a ogni probblèma cantate a quer mòdo? Perché n ve n’annate si quanno ve tòcca ‘n volete pagà?! Abbasta de dì “io sò er mèjo der mèjo...”; abbasta de dì “è quell’artro er più pèggio!” È ora, a regà, de fà annà sto paese, de faje der bène, e nno fallo addannà! Côr Monte de’ Paschi che sta trabballanno ancora insistete…Ma che ha da succede pe ffavve capì che ciabbasta davero? E che a chiacchierà…‘n ve se pò più sentì?! Metteteve assieme pe falla girà sta ròta der carro! Sibbè che su ‘r carro ce sta chi è la ròta e becca deppiù, e c’è chi è ‘r caretto e abbusca de meno. D’artronne è la ròta che serve pe annà… Ché senza la ròta ciai vòja a guidallo sto carro! E poi, puro er cavallo!…Se sa… che senza de lui…ciai vòja a tirà! Armando Bettozzi 29 Gennaio 2013

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog