Cerca

sei milioni di pensionati chiedono aiuto

Gent.mo Direttore, il blocco delle pensione per il triennio 2012/2014, ha sottratto sottrae e sottrarrà, considerando una pensione media di 1750€ lordi, rispettivamente 3,9; 8,1; e 12,3 miliardi di euro. A regime, una perdita media di 2230€ all'anno per tutta la vita. Considerando una vita media di quei tapini di 10 anni si ha (considerando le rivalutazioni annuali dal 2015 in su) che per per l'intero periodo di 13 anni, l'INPS non erogherà 170 miliardi di €, circa 30 per il periodo del blocco, e altri 140 miliardi per il decennio successivo. Faccio presente che questo conteggio è minimale, perchè sicuramente la pensione media per quella fascia è superiore, inoltre le aspettative di vita attuali sono ben superiori ai 10 anni medi calcolati, per ultimo, il risparmio si trasferisce ai superstiti, che incasseranno le pensioni di reversibilità. Come vede un fatto epocale, trattato dai media con meno rilievo di un aumento dell'un% delle tariffe della luce. Una vera e propria condanna a vita, senza alcuna possibilità di amnistia. Faccio presente che togliere nel periodo 170 miliardi di emolumenti, vuol dire non avere tre/quattrocento miliardi di circolante. Fatto che si traduce in minori consumi, quindi licenziamenti e cassa d'integrazione, nonchè allargamento della fascia di povertà, sia da parte di una fetta di quei pensionati che di quelli rimasti senza lavor. Direttore se vorrà darci voce le saremmo immensamente grati. Romolo Rubini con un gruppo di compagni di sventura. Distinti saluti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog