Cerca

LAVORO/DEBITI "PRIVATI"

buongiorno Direttore, E' buon senso fermarsi??, CHIUDERE, licenziare brave persone giovani che hanno famiglia,figli, affitti, mutui ecc., credo di NO, c'è però una grandissima difficoltà a proseguire per alcuni motivi: 1- NON C'E' LAVORO, del poco che c'è è da infarto, prezzi all'osso per non dire "ancora di meno" bilanciare le spese vive è diventato una odissea, non ce la facciamo più, LAVORANDO si creano debiti che a differenza dei ns.politici(anche locali) li dobbiamo pagare personalmente e non i cittadini tutti. 2- bisogna essere REGOLARI(DURC) per poter lavorare, se ti capita qualche imprevisto(e ce ne sono di varia natura a tutt'oggi) devi in qualche modo proseguire ma fino a quando??, e se ce la fai a proseguire è solo tralasciando dei pagamenti che dovresti fare, per tirare avanti in qualche modo, ma i debiti che fai li devi ONORARE, ma come ??. 3- a tutt'oggi si lavora(quel poco) col 35/40% in meno del 2008 a differenza degli aumenti della materia prima che è aumentata del 30% (gasolio-energia). 4- bisogna, tappandosi tutto, trovare qualcosa che ti faccia recuperare " SOLDI " e poter così pagare i debiti che LAVORANDO hai fatto( è inconcepibile). Non vedo sul serio altra soluzione. NO, anzi una c'è, METTO IN VENDITA qualche mio organo, sperando sia sano, per circa 60/70000,00€ e così spero poi di CHIUDERE TUTTO e restarmene in attesa della pensione(fra due anni, grazie alle Leggi che tutelano i lavoratori, ho 46 anni di lavoro). La prego di perdonarmi se Le faccio perdere tempo. grazie e cordialità. Loris Lazzarin N.B. C'è qualcuno a cui interessa RILEVARE l'azienda di costruzioni e manutenzioni stradali,ben conosciuta nella Provincia e dintorni, se SI', sono immediatamente disponibile. grazie ancora.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog