Cerca

INSEGNANTI E MERITO

Caro Direttore Scrivo per denunciare il comportamento schizofrenico della Lega in merito al reclutamento insegnanti. Si è passati dagli albi regionali e dalla selezione dei docenti, per garantire il merito e non semplicemente favorire un'anzianità di servizio mai valutata,alla battaglia feroce a favore dei TFA Speciali. Questi garantirebbero l'abilitazione facile in grazia del solo servizio pregresso del docente, al contrario dei TFA Ordinari che prevedono una dura preselezione all'entrata in virtù del numero chiuso. Voluti fortemente dal Ministro Gelmini prima e realizzati da Profumo poi (con lunga scia di polemiche quest'estate), i Tirocini Formativi Attivi dovevano essere il nuovo percorso abilitante e meritocratico proprio grazie alla preselezione (necessaria anche per motivi tecnici, dal momento che non si voleva creare di nuovo un mare di abilitati precari, buoni solo per ingrossare le fila degli iscritti ai sindacati). Il verbo al passato è d'obbligo, visto che l'onorevole Pittoni (Lega Nord) è improvvisamente diventato il paladino dell'abilitazione senza alcuna selezione. Abilitare migliaia di precari solo perchè hanno avuto la fortuna di lavorare (già perchè la posizione in graduatoria non è sinonimo di merito, se nessuno valuta il lavoratore o lo può scegliere per le sue qualità!) è una sanatoria bella e buona! Robe che la Lega del "Prima il Nord" dovrebbe evitare come la peste. Per anni gli insegnanti del Sud sono stati per la Lega brutti e cattivi perchè, lavorando nelle Paritarie-puntifici e trasferendosi poi al Nord, rubavano il lavoro agli insegnanti del luogo che si vedevano scavalcati e con poche possibilità di replica. Oggi, a un mese dalle elezioni, invece, sono diventati degni di un'abilitazione senza neanche controllarne il merito. Personalmente non mi interessa se un docente è del Nord o del Sud, ma gradirei che chi ha sempre difeso la selezione e il merito, la chiamata diretta e anche gli albi regionali (gudagnandosi così anche il mio voto) mantenesse la stessa linea politica o almeno spiegasse il motivo di tale cambiamento. Il salto carpiato con avvitamento della Lega è quanto mai preoccupante...e preoccupante è che nessuno abbia notato, nel settore giornalistico, questo improvviso amore, benedetto da Cupido-Camusso, e scoppiato tra Lega e Italia dei Valori, insieme per prendere voti e allontanare definitivamente il merito dalla Scuola Italiana. Spero quindi che queste riflessioni possano essere uno spunto un'eventuale intervista a un rappresentante della Lega. Concludo dicendo che Maroni, prima di dire agli altri chi mettere a capo dei loro partiti, dovrebbe prima guardarsi in casa e capire se davvero è l'alleanza con Berlusconi a fargli perdere voti, o magari Mario Pittoni. Mario...un nome interessante... Saluti Chiara

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog