Cerca

Gli "onesti" di Ingroia

Gentile Direttore, con questa lettera vorrei rendere di dominio pubblico una notizia di cui non ho sentito parlare nei telegiornali nè letto sui quotidiani: nella lista al Senato, della Regione Puglia, del partito Rivoluzione Civile del Magistrato Dott. Ingroia, è stato candidato il Sig. Peppino Scognamillo, già noto alle cronache locali per i suoi problemi con la giustizia; infatti fu arrestato nel dicembre 2003 (si veda La Repubblica del 07/05/2004) nell'ambito del crac del Gruppo Ferri. Ora, precisando che non ho nulla contro il Sig. Scognamillo e che una persona con condanne non gravi per me può essere riabilitato nella società ed anche potersi candidare, Le chiedo direttore come è possibile che abbia trovato spazio in una lista dove il candidato premier fa della giustizia la sua unica ragion d'essere e che ha messo al centro della sua campagna elettorale la questione delle "Liste Pulite"?Non avrebbe fatto meglio a controllare la trave nei suoi occhi anzichè la pagliuzza in quelli degli altri? Ringraziandola anticipatamente, Le porgo cordiali saluti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog