Cerca

Rimborsi elettorali e spese di rappresentanza :”Rendiamoli pubblici “

Ormai assistiamo ogni giorno inermi allo sperpero dei rimborsi elettorali e alle spese di rappresentanza sostenute dai nostri eletti sia in regione che nei palazzi romani .Trovo ripudiante che a tutt’ oggi nei vari siti istituzionali, soprattutto regionali non siano messe in evidenza le spese dei gruppi consiglieri e dei rispettivi consiglieri,almeno così quando daremo la preferenza sapremo pure quanto ci costa il nostro emerito”politico” e le sue spese pazze come le spese di rappresentanza ,le quali sono forfetizzate e quindi basta presentarsi allo sportello economato per ritirare il “saldo” corposo . Si è perlato tanto della efficienza e trasparenza della pubblica amministrazione ,ma quando interessa alla “Casta” meno sa l’elettore /cittadino meglio si possono spendere in denari come : discoteche,nutella,alimenti per cani ,ecc tutto questo in nome del “rigore” per uscire dal tunnel della crisi. Cari politici abbiate il coraggio di renderli pubblici ai cittadini e non fate solo le crociate per “le preferenze” il cittadino ha il diritto di sapere quanto costa e spende il proprio politico ,cosi poi saranno i stessi cittadini che osservando i “ conti” se troveranno qualcosa di anomalo lo segnaleranno alle autorità competenti ,forse almeno inizieremo ad avere una politica trasparente ed efficiente ,perché altrimenti non si capisce perché il cittadino sa quanto prende un dirigente responsabile del’ufficio della pubblica amministrazione ma non sa nulla o poco delle spese e rimborsi del proprio beniamino politico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog