Cerca

IL COMUNISTA NAPOLITANO

Non è tanto l’aspetto socio-ideologico del comunismo che lo caratterizza , quanto la radice, lo stretto legame d’ appartenenza che lega i “credenti”, tale da fare apparire “chiesa-religione” una semplice teoria socio-politico-economica. Chi lascia il partito diventa “traditore”, un "apostata". Il nostro Presidente è di questa “chiesa” e lo ha sempre dimostrato in ogni importante occasione: non si può tradire se stessi. Opportuno sarebbe scegliere il Capo dello Stato fuori dalla Politica, dai suoi interessi e dalle sue pulsioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog