Cerca

Campagna elettorale falsa!

Egregio Direttore, condivido pienamente l’articolo di Davide Giacalone del 3 febbraio u.s. con il quale è stata messa in evidenza l’inconsistenza della campagna elettorale. Una campagna elettorale senza interlocutori, se non quelli selezionati nei teatri e negli incontri televisivi. La paura dei politici di essere fischiati ed insultati dalla gente è tanta. Meglio evitare le piazze e la libera discussione. Tutti fanno a gara a chi le spara più grosse con promesse che non hanno alcuna possibilità di essere mantenute. Nessuno ha il coraggio di dire la verità. L’Italia non ha più margini di manovra. O riducono le spese ( tagli agli Enti inutili , alle spese inutili, riorganizzazione riduttiva di tutte le piante organiche , taglio degli stipendi e delle pensioni, azzeramento del finanziamento pubblico dei partiti, taglio del numero dei parlamentari, taglio e riorganizzazione dello Stato, drastica riduzione di tutte le spese del parlamento e del palazzo della Presidenza della Repubblica, responsabilità degli eletti nel pareggio di bilancio e commissariamento di tutti gli Enti – Regioni comprese- che sfondano senza autorizzazione, pagamento in solido di tutti i responsabili amministrativi), ma nessuno ne parla, e si riduce il debito pubblico o il sistema è destinato a fallire! Saremo tutti poveri , perché i compratori del nostro Paese ed i creditori ci detteranno le regole, cominciando dal drastico taglio degli stipendi ( magistratura compresa), altro che sentenza della corte della casta dei magistrati che ritiene illegittimo l’obolo di solidarietà! Di tutto questo sono responsabili tutti i politici di qualunque colore (Destra, Sinistra, Centro) che, come dice Grillo, vanno mandati tutti a casa. Essi hanno curato , con dispregio dell’intelligenza degli italiani, sempre i loro interessi personali e di bottega senza pensare , minimamente, all’interesse della gente e del Paese. A questo punto , meglio Grillo che le facce da sepolcri imbiancati di tutti quelli che sono stati seduti sugli scranni del potere fino ad ieri. Giovanni Ridinò

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog