Cerca

A Berlusconi: 2° punto priorità abbattere barriere architettoniche

Caro Presidente, sono con lei e vorrei che lei nel suo attuale programma, fosse il primo e probabilmente sarebbe l'unico, che come secondo punto principale dopo l'IMU, facesse eliminare tutte le barriere architettoniche pubbliche e private di accesso pubblico (negozi, ospedali, treni, bus, ecc.) magari con incentivi o riduzioni fiscali, attraverso un decreto legge che andasse a sopperire alla grande negligenza di attuazione e inefficacia, della Legge 9 gennaio 1989 n. 13. Il voto dei disabili è sempre stato considerato ininfluente ai fini elettorali, perchè siamo circa 5 milioni... poca roba insomma, ma le faccio notare che anche noi abbiamo familiari, amici, ecc., che sarebbero felici di votare chi come priorità considera anche migliorare la nostra qualità di vita. E' davvero vergognoso che i politici italiani arrivino a fare programmi dando la massima priorità a battaglie, al limite dell'assurdo, digiunando o incatenandosi, per il benessere degli ergastolani, dei gay, dei clandestini, dei tossicodipendenti, ecc.. Spero che leggerà questo messaggio e vorrà aiutare, chi come me è sempre stato un cittadino onesto rispettoso della legge, ha sempre lavorato finchè gli è stato possibile, ha sempre pagato le tasse e continua a pagarle per quei servizi che lo Stato non offre anche se dovrebbe. Caro presidente metta al secondo punto del suo programma il benessere dei disabili, malati e loro familiari italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog